Home Sport Sport Genova

Pro Recco batte ieri l’Ortigia 10-7, stasera nuovo match

0
CONDIVIDI
Pro Recco batte ieri l'Ortigia 10-7, stasera nuovo match

La Pro Recco fa suo il derby italiano in Champions League: a Ostia i biancocelesti battono l’Ortigia 7-10, lo stesso risultato maturato a settembre in Coppa Italia. 

Primo tempo che vede protagonista Mandic: il mancino serbo riprende due volte l’Ortigia, pareggiando il gol di Gallo che inaugura il tabellino e quello segnato da di Di Luciano a due minuti e mezzo dalla sirena.

È una partita a scacchi tra Ortigia e Pro Recco con la trama della partita che non cambia neppure nel secondo tempo: Giacoppo riporta in vantaggio i suoi con un tiro che rimbalza sull’acqua e beffa Bijac, Ivovic trova il pareggio in superiorità con un bolide da posizione centrale deviato da un difensore siciliano. La transizione del capitano a 23 secondi dal cambio campo vale il 3-4 ed è un gol importante, il primo vantaggio biancoceleste che non muta fino alla sirena.

Modifica l’assetto invece Hernandez, con Negri a rimpiazzare Bijac tra i pali, e la Pro Recco va sul +2 grazie al diagonale di Di Fulvio che sfrutta la sosta nel pozzetto di Abela. Distanza che il mancino di Mandic, ancora con l’uomo in più, mantiene dopo il gol di Giacoppo. L’Ortigia però non ci sta e con un po’ di fortuna trova il 5-6 con Vidovic (tiro che sbatte sulla traversa e sulla schiena di Negri) e poi il pari, ancora con Giacoppo. La rete di Figari dal lato cattivo è annullata dal mancino chirurgico di Gallo che si infila sotto il sette. Hernandez manda in acqua Bijac e la Pro Recco chiude il terzo tempo sul 7-8: incursione di Figari che dal palo scarta il cioccolatino servito da Mandic.

Negli ultimi otto minuti i biancocelesti ritrovano la solidità difensiva e la via del gol dopo tre minuti e mezzo con Younger, ancora in superiorità. Il rigore del 7-10, segnato di Di Fulvio a 100 secondi dalla fine, è la pietra tombale sul match. Oggi terza e ultima partita del concentramento: alle 20.15, diretta su Sky Sport Arena, sfida contro lo Spandau 04 Berlino.

“Dobbiamo migliorare il ritmo, oggi è stata una partita sofferta – ammette Di Fulvio al termine del match – non abbiamo giocato ai nostri livelli. Queste sono le prime gare importanti della stagione e comunque bisogna fare i complimenti all’Ortigia che è una squadra che sta mettendo in difficoltà tutti. Voltiamo pagina e pensiamo alla partita con i tedeschi”.

Per il tabellino: http://len.microplustiming.com/lenchampionsleague/indexCL_web_fs.php?c=ASM&g=1&t=A01&gr=1&s1=ORT&s2=REC&st=1 

Foto di copertina (credit: Scarfì)