Home Sport Sport Genova

Pontedera-Entella 2-1, cadono i liguri nel turno infrasettimanale

0
CONDIVIDI

L’Entella cade in trasferta, a Pontedera è 2-1 per i padroni di casa ieri in Toscana.

I granata impongono da subito il loro ritmo e trovano il gol in avvio, buona reazione dei biancocelesti che trovano il pari con Zamparo. Nel secondo tempo parte meglio il Pontedera che al 59’ va di nuovo in vantaggio. Zamparo sbaglia un rigore al 95’.

Neanche un giro di orologio e primo pericolo per l’Entella, Benedetti approfitta di una distrazione difensiva e va a calciare, De Lucia si oppone.

Trovano il vantaggio i padroni di casa al 5’ minuto, cross dalla destra di Nicastro a pescare Catanese, colpo di testa dal centro dell’area e 1-0.

Al 14’ il primo squillo biancoceleste, Corbari dopo una bella combinazione prova il sinistro, palla a lato.

Azione fotocopia del gol al 19’, cross dalla destra per Catanese, De Lucia risponde in corner.

Pareggia i conti l’Entella al 26’, calcio di punizione sul fronte destro d’attacco, Tascone pennella al centro dell’area, Zamparo stacca più in alto di tutti e gira in rete di testa. 1-1.

Ancora pericoloso Zamparo al 32’, stessa dinamica del gol del pari ma questa volta con il tentativo in acrobazia, palla sul fondo.

Minuto 51, ancora sulla destra il Pontedera, allunga sul secondo palo un giocatore granata, Nicastro colpisce la parta alta della traversa.

Al 59’ trovano di nuovo il vantaggio i padroni di casa, Benedetti nei pressi del dischetto trafigge De Lucia. 2-1.

Di nuovo un pericolo per l’Entella al 66’, De Lucia risponde alla conclusione di Nicastro.

Al 79’ si fa vedere due volte pericolosamente in avanti l’Entella, Ramirez impegna Siano direttamente da corner, sulla respinta Meazzi va calciare, ancora Siano a respingere.

Assalto ospite nel finale alla ricerca del pari, tanti cross ma pochi pericoli concreti per i granata.

Al 94’ l’arbitro indica il dischetto, è calcio di rigore per l’Entella. Dagli undici metri va Zamparo ma il suo tentativo si stampa sulla traversa. Finisce così al Mannucci.