Home Cultura Cultura Genova

Poesie in genovese per ricordare la tradizione del presepe

0
CONDIVIDI
La natività è al centro del presepio nel Santuario di San Michele e del S.S. Crocifisso

Da Massimo Antola, ideatore e realizzatore dei presepi nel Santuario di San Michele e del S.S. Crocifisso (vedi foto precedente articolo) riceviamo e pubblichiamo una poesia in dialetto genovese dedicata al Presepio e alla nascita di Gesù Bambino. Segue la traduzione in italiano. ABov

Unn-a néutte speciâle
Çê stelòu, l’è fréido, e dònne de câza
into mezo a-i profùmmi da cuxìnn-a,
travagian e giamin-na:
ödô de frîto, de frisceu,
de pandôçe, de tócco e raieu.

L’è n’a néutte speciâle,
e légne bruxân into camin,
‘na gàtta a pizagià in sciâ carêga
arénte a l’èrbo inluminòu.

Ma l’è o prezépio, co-o pròfummo do sò pàn de bòsco,
a ricordane che vixìn a mangéuia
’na lûxe a scada o cheu.

Da chi a ’n pö aniêmo a méssa, a baxâ o Banbìn.
Se stémmo bén e puémmo festezâ,
pensémmo un pö ascì a chi sta pêzo,
a quànte sémmo afortunê,
armêno inte quésta giornâ, bón Dênâ.

Una notte speciale
Cielo stellato, è freddo, le casalinghe immerse nei profumi della cucina lavorano e faticano:
odore di fritto, di frittelle, di pandolce, di sugo e ravioli.
È una notte speciale, la legna brucia nel camino, una gatta sonnecchia sulla sedia vicino all’albero illuminato.
Ma è il presepe, con il profumo del suo muschio, a ricordarci che vicino alla mangiatoia una luce riscalda il cuore.
Tra poco andremo a Messa, a baciare Gesù bambino.
Se stiamo bene e possiamo festeggiare, pensiamo un po’ anche a chi sta peggio, a quanto siamo fortunati, almeno in questa giornata, Buon Natale.