Home Sport Sport Genova

Pallanuoto, la Finale Scudetto è Recco-Brescia

0
CONDIVIDI

Sarà ancora Pro Recco-AN Brescia. Come in Coppa Italia e per la settima volta consecutiva in campionato.

Se la Pro Recco non ha avuto problemi regolando facilmente una CC Ortigia paga della qualificazione alle semifinali dopo 32 anni, l’AN Brescia ha dovuto soffrire fino ai rigori contro il Banco Bpm Sport Management (errori di Mirarchi e Luongo). Salve la Lazio e la Pallanuoto Trieste che vincono le semifinali playout. Si giocheranno la salvezza Reale Mutua Torino 81 Iren e Bogliasco Bene.
Alle Final Six di Siracusa, che determineranno i verdetti del 99esimo campionato maschile, protagonista ancora la Pro Recco che batte il padroni di casa del CC Ortigia 16-3 e parte alla caccia del tredicesimo tricolore consecutivo e del double dopo aver conquistato la Coppa Italia. La partita non ha avuto storia sia per la differenza tecnica tra le squadre sia per le diverse motivazioni. L’Ortigia, che domenica gioca dopo 32 anni una finale per il terzo posto, è entrata scarica dopo lo sforzo fisico e psicologico del quarto di finale e la qualificazione europea raggiunta. Per la Pro Recco tanti big in forma con la quaterna di Filipovic e le triplette di Ivovic e Bodegas.
AN Brescia-Banco Bpm Sport Management non ha tradito le attese: prima metà a favore dei lombardi che allungano facilmente sul 4-1 (doppietta di Nora). Poi l’espulsione per gioco aggressivo di Figlioli e la reazione dei mastini guidati da un ottimo Luongo (pregevole la palomba del 7-6). La rete del pareggio dell’olimpionico croato Muslim, fatta di rabbia e classe, chiude i tempi regolamentari sull’8-8. La roulette dei rigori dice Brescia e allora il sogno scudetto che attende dal 2003 può continuare. Finale alle 16.00 in direttasu Rai Sport HD.
La RN Savona giocherà la prossima Euro Cup per effetto del 9-4 ai danni del CC Napoli. Tripletta di Milakovic per i liguri che dilagano con un break di 4-0 nella seconda parte di gara.
Nella prima delle due semifinali playout la Lazio è brava a mettere in chiaro subito le cose contro la Reale Mutua Torino 81 battuta 14-5. Per laziali, che a metà gara conducevano 9-3, quaterna di Leporale. Thrilling l’altra semifinale RN Bogliasco-Pallanuoto Trieste con la vittoria dei giuliani per 9-8. Sostanziale equilibrio per tre tempi, poi Trieste piazza il break guidata dai due serbi Gogov (quaterna) e Vico (doppietta) nell’ultimo quarto. Il possibile pareggio di Lanzoni a pochi secondi dal termine si spegne sul palo; così la finale playout sarà Bogliasco Bene-Reale Mutua Torino 81 Iren domenica alle 14.30. Seguono tabellini, cronaca, programma ed albo d’oro.

SEMIFINALI PLAYOFF
Pro Recco-CC Ortigia 16-3
Pro Recco: Tempesti, F. Di Fulvio 2, Alesiani, Bruni, Molina Rios, Bodegas 3, Ivovic 3, Echenique 1, Figari 1, Filipovic 4, Aicardi 1, N. Gitto 1, Volarevic. Coach Vujasinovic.
CC Ortigia: Patricelli, Siani, Abela 1, Jelaca, Di Luciano, Lindhout, Tringali, Giacoppo, Rotondo, Vapenski 1 (rig.), Casasola 1, Napolitano, Caruso. Coach Piccardo.
Arbitri: Paoletti, Frauenfelder.
Note: parziali 5-0, 5-0, 3-2, 3-1. Spettatori 1000 circa. Caruso in porta nel CC Ortigia. In tribuna il Prefetto di Siracusa Giuseppe Castaldo. Volarevic (R) in porta nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Pro Recco 5/7, Ortigia 2/8 + un rigore. Nessuno uscito per limite di falli.

CRONACA. Si parte con un perentorio 5-0 che non ammette repliche. L’Ortigia, svuotata nel corpo e nell’anima dopo la semifinale conquistata venerdì, soccombe a una Pro Recco oltremodo motivata. Aicardi, una doppieta di Ivovic, Di Fulvio e Figari in controfuga bucano cinque volte Caruso nei primi minuti. Nel secondo tempo la serie si allunga con Di Fulvio, Filipovic (doppietta), Bodegas e Ivovic che fa tripletta per un 10-0 che anestetizza definitivamente il match. Filipovic apre con una bomba il terzo tempo e poi finalmente, dopo circa 20 minuti, arriva il primo gol dei biancoverdi con Casasola, pronto a ribadire una respita di Tempesti in extraplayer. Gitto ed Echenique col mancino allargano ulteriormente la forbice (13-1), ma lo stesso attaccante naturalizzato commette fallo da 5 metri che Vapenski trasforma spiazzando Tempesti. Nel quarto tempo due extraman di Filipovic e Abela e poi la doppietta d’autore di Bodegas per la valanga recchelina che non tradisce mai.

AN Brescia-Banco BPM Sport Management 12-10 dtr (8-8)
AN Brescia: Del Lungo, Guerrato, C. Presciutti, Guidi, Paskovic 1, Rizzo 1, Muslim 2, Nora 2, N. Presciu, Bertoli 1, Janovic, Vukcevic 1, Morretti. Coach Bovo.
Banco BPM Sport Management: Lazovic, Di Somma, Blary, Figlioli 1, Fondelli 1, Petkovic, Drasovic, Gallo 1, Mirarchi 1, Luongo 2, Baraldi 2, Valentino, Nicosia. Coach Baldineti.
Arbitri: Gomez, Colombo.
Note:parziali 2-0, 2-1, 0-4, 4-3. Spettatori 600 circa. Espulso Figlioli (B) per gioco violento nel secondo tempo, successivamente Zimonjic (BPM) per proteste. Ammonito Baldineti (S) per proteste nel terzo tempo. Superiorità numeriche: Brescia 5/11, Sport Management 3/9. Tempi regolari terminati 8-8. Ai rigori: Mirarchi parato, Janovic rete, Drasovic rete, N. Presciutti rete, Luongo palo, Rizzo rete, Petkovic rete, Paskovic rete.

CRONACA. Bomber Rizzo apre subito con una palomba d’autore (1-0). Il Banco Bpm spreca due extraman e si viaggia sul filo. Baraldi commette fallo di nervosismo e concede la seconda superiorità al Brescia, che Nora capitalizza allo scadere del primo tempo per il 2-0 dei bianchi. Nel secondo tempo si resta bloccati con Luongo che fallisce il terzo uomo in più e poi strappa in ripartenza. Nora va in doppietta e porta sul 3-0 i biancoazzurri. La partita si accende: lo stesso numero 8 bresciano commette fallo da cinque metri che Figlioli trasforma (3-1). Parte qualche colpo proibito in acqua col capitano azzurro che viene espulso per gioco violento su Christian Presciutti, ex compagno di tante medaglie col Settebello. Espulsione con sostituzione che produce la quarta rete bresciana con Vukcevic che dai due metri, ben pescato da Rizzo, porta al cambio campo sul 4-1.
La BPM però non demorde e cambia la partita con un parziale perfetto. Baraldi dal centro in extraman e Luongo su assist di Gallo ridanno entusiasmo. Bertoli viene pescato in fallo grave di ripartenza e allora il pareggio è confezionato: il giro palla porta Mirarchi solo soletto davanti a Del Lungo che prima para ma poi subisce il tap-in sottomisura. Il Brescia sembra anestesizzato, sbaglia una doppia superiorità e cede alla pressione della BPM che piazza il primo sorpasso con il siracusano Gallo: gancio mancino del 5-4 che chiude il parziale e porta il break dei neroverdi sul 4-0.
Lo spettacolo si alza di qualità: Bertoli pareggia capitalizzando il decimo uomo in più, ma è ancora Luongo che dà spettacolo e piazza una pregevole palomba per il 6-5 dei mastini. Risponde Muslim, in acqua a Londra contro il Settebello, che capiatalizza ancora in extraplayer per il 6-6, ma a metà tempo è Bertoli che, nel tentativo di anticipare Baraldi, fa il più clamoroso degli autogol. Non c’è sosta. Dal tandem montenegrino Janovic/Paskovic nasce il nuovo pareggio del 5 bresciano che insacca sul palo lungo (7-7). Lo stesso Janovic prende secondo fallo grave e stavolta è Fondelli che rifinisce il vantaggio dei mastini con la bomba dal perimetro per l’8-7. Di Somma ha il match point: si gira alla grande al centro, ma sbaglia la conclusione e allora Muslim si carica tutto il peso della squadra e di rabbia firma l’8-8 a 28 secondi dal termine. Si va ai rigori che premiano per il settimo anno di finale i lombardi.

FINALE 5/6 POSTO

SAVONA
CC Napoli-RN Savona 4-9
CC Napoli: Rossa, Buonocore, Del Basso, Confuorto, Giorgetti 2, Di Martire 1, Dolce, Campopiano 1, F. La Penna, Velotto, Borrelli, Esposito, Vassallo. Coach Zizza.
RN Savona: Soro, Novara, L. Damonte 2, Steardo 2, L. Bianco, Ravina, Piombo, Milakovic 3, G. Bianco, J. Colombo, De Freitas 2, Teleki, Missiroli. Coach Angelini.
Arbitri: Severo, D’Antoni
Note: parziali 2-3, 2-2, 0-2, 0-2 . Superiorità numeriche: CC Napoli 4/8, RN Savona 4/12. Giorgetti (CCN) espulso per proteste nel terzo tempo. Uscito per limite di falli Campopiano (CCN) nel quarto tempo.

CRONACA. Equilibrio e lotta per due tempi. Giorgetti con una doppietta tiene a galla i compagni fino all’espulsione per proteste che spegne le velleità dei giallorossi del Molosiglio. Il Savona piazza un break di 4-0 con Steardo, De Freitas, Damonte e Milakovic, autore di una tripletta, che legittimano la vittoria dei liguri e l’Europa per la prossima stagione.

SEMIFINALI PLAYOUT

SS Lazio Nuoto-Reale Mutua Torino 81 Iren 14-5
SS Lazio Nuoto: Correggia, Tulli 2, Colosimo, Spione 2, Gianni, Di Rocco 2, Giorgi 1, Cannella, Leporale 4, Vitale 2, Maddaluno 1, Ferrante, Mariani. Coach Sebastianutti.
Reale Mutua Torino 81 Iren: Aldi, Pavlovic, Gandini 2, Azzi, Maffè, Oggero, D’souza, Vuksanovic, D. Presciutti 1, Novara, Gaffuri 1, Giuliano 1. Coach Aversa.
Arbitri: Luca Bianco, Daniele Bianco
Note: parziali 5-2, 4-1, 3-0, 2-2. Maddaluno (L) uscito per limite di falli nel terzo tempo. Mariani (L) in porta nel quarto tempo. Aldi (T) para un rigore a Colosimo nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Lazio 4/6 + un rigore,Torino 3/10.

FIN FinalSix 20180526 STAAAN 1909

CRONACA. Parte forte la Lazio che, dopo il botta e risposta iniziale, allunga con una bella doppietta di Spione dal centro. Torino si riporta a meno due con Giuliano ma trova uno scatenato Leporale che con una tripletta apre il break di 8-0 che stende definitivamente gli avversari. I piemontesi si appendono alle soluzioni di Gandini, ma ancora Leporale con Vitale e Di Rocco mettono a segno le doppiette che chiudono il referto.

Bogliasco Bene-Pallanuoto Trieste 8-9
Bogliasco Bene: Prian, Ferrero, Di Somma, Lanzoni 2, Brambilla 1, Guidaldi, Gambacorta 3, Monari, Cimarosti 1, Fracas, Puccio, Sadovyy 1, F. Di Somma. Coach Bettini.
Pallanuoto Trieste: Oliva, Podgornik, Petronio 1, Ferreccio, Giorgi, Giacomini, Gogov 4 (1 rig.), Vico 2, Spadoni, Blazevic, Mezzarobba 1, Persegatti, Turkovic 1. Coach Brazzatti.
Arbitri: Navarra, Petronilli.
Note: parziali 3-2, 2-3, 1-0, 2-4. Spettatori 300 circa. Usciti per limite di falli Spadoni e Blazevic (T), Brambilla (B) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Bogliasco 6/14, Trieste 6/9 + un rigore.

Fin FinalSix 20180526 STAAAN 2082

CRONACA. La Pallanuoto Trieste piazza la zampata nel finale e si salva. Sostanziale equilibrio tra le due squadre. Il Bogliasco si tiene a galla con le soluzioni in solitario di Lanzoni, che porta avanti di due reti i compagni. Poi i giuliani reagiscono e si affidano alle bombe di Gogov, che alza la qualità della squadra e si trascina il connazionale Vico, che al centro fa la differenza: si carica di falli e piazza la doppietta tra cui la rete del +2 a metà quarto tempo che spegne le velleità dei liguri. Sadovyy prova a sostenere fino alla fine i compagni, ma sul palo di Lanzoni si configura la finale playout.

Venerdì 25 maggio – quarti di finale
3^-6^ Banco Bpm Sport Mangement-CC Napoli 13-4 su WP Channel
4^-5^ CC Ortigia-RN Savona 9-4 su WP Channel

Sabato 26 maggio
SS Lazio Nuoto-Reale Mutua Torino 81 Iren 14-5 / Semifinale playout su WP Channel
Bogliasco Bene-Pallanuoto Trieste 8-9 / Semifinale playout su WP Channel

Semfinali scudetto
Pro Recco-CC Ortigia 16-3 su Rai Sport + HD
AN Brescia-Banco Bpm Sport Management 12-10 dtr (8-8) su Rai Sport + HD

Finale 5° posto alle 20.00 su WP Channel
CC Napoli-RN Savona 4-9

Domenica 27 maggio
Finale 3° posto alle 13.00 Banco Bpm Sport Management-CC Ortigia su WP Channel
Finale playout salvezza alle 14.30 Reale Mutua Torino 81-Bogliasco Bene su WP Channel
Finale scudetto alle 16.00 Pro Recco-AN Brescia su Rai Sport + HD

Albo d’oro: dal 1911/12 al 1914 Genova; non disputato fino al 1918; 1918/19 Genova, 1919/20 RN Milano, 1920/21 e 1921/22 Andrea Doria, 1922/23 Sportiva Sturla, dal 1924/25 al 1928 Andrea Doria, 1928/29 Triestina, 1929/30 e 1930/31 Andrea Doria, 1931/32 RN Milano, 1932/33 e 1933/34 RN Florentia, 1934/35 RN Camogli, dal 1935/36 al 1938 RN Florentia, 1938/39 RN Napoli, 1939/40 RN Florentia, 1940/41 e 1941/42 Guf RN Napoli, 1945/46 RN Camogli, 1946/47 Can. Olona, 1947/48 RN Florentia, 1948/49 e 1949/50 RN Napoli, 1950/51 Can. Napoli, 1951/52 e 1952/53 RN Camogli, 1953/54 Roma, 1954/55 RN Camogli, 1955/56 Lazio, 1956/57 RN Camogli, 1957/58 Can. Napoli, 1958/59 al 1962 Pro Recco, 1962/63 Canottieri Napoli, 1963/64 al 1972 Pro Recco, 1972/73 Can. Napoli, 1973/74 Pro Recco, 1974/75 Can. Napoli, 1975/76 RN Florentia, 1976/77 Can. Napoli, 1977/78 Pro Recco, 1978/79 Can. Napoli, 1979/80 RN Florentia, 1980/81 RN Bogliasco, dal 1981/82 al 1984 Pro Recco, 1984/85 e 1985/86 Posillipo, 1986/87 Pescara, 1987/88 e 1988/89 Posillipo, 1989/90 Canottieri Napoli, 1990/91 RN Savona, 1991/92 RN Savona, dal 1992/93 al 1996 Posillipo, 1996/97 e 1997/98 Pescara, 1998/99 Roma, 1999/2000 e 2000/01 Posillipo, 2001/02 Pro Recco, 2002/03 Brescia, 2003/04 Posillipo, 2004/05 RN Savona, dal 2006 al 2017 Pro Recco.