Home Cronaca Cronaca Genova

Operazione Certosa 2021 contro lo spaccio: 5 le misure cautelari

0
CONDIVIDI
Operazione Certosa 2021 della Polizia contro lo spaccio: 5 le misure cautelari
Il Commissariato di Genova Cornigliano (immagine di repertorio)

Le indagini della Polizia partite da alcune segnalazioni in merito ad un noto pluripregiudicato di anni 65 di Rivarolo 

Lo scorso 20 maggio, la Polizia di Genova, in seguito all’operazione Certosa 2021 ha dato esecuzione a cinque misure cautelari, di cui tre Custodie in Carcere e due Obblighi di Soggiorno nel Comune di Genova, al termine di un’indagine, iniziata nell’estate del 2021, su cinque soggetti responsabili a vario titolo di spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione.

Le indagini sono partite da alcune segnalazioni circa un noto pluripregiudicato, di anni 65, di Rivarolo, dedito allo spaccio di rilevanti quantitativi di eroina e cocaina.

Sin da primi giorni di attività, la Squadra Investigativa del Commissariato Cornigliano ha trovato riscontro su tale attività di spaccio e ha sequestrato stupefacente a vari soggetti. Significativo il sequestro di circa 400 gr. di eroina a carico di un quarantacinquenne che è stato arrestato in flagranza.

Sotto il coordinamento della locale Procura le indagini sono proseguite anche con l’impiego di mezzi tecnici, come l’installazione di telecamere e intercettazioni telefoniche e hanno permesso di ricostruire il modus operandi dello spacciatore, che si avvaleva della collaborazione pressoché costante di quattro soggetti, tra cui il suo figliastro.

Dalle indagini è emerso con chiarezza che lui fosse l’indiscusso leader del gruppo criminale, infatti l’uomo impartiva regolarmente le proprie indicazioni su come, quando e da chi si doveva acquistare lo stupefacente e su come, quando e a che prezzo andava poi rivenduto.

In più circostanze il 65enne, spalleggiato dai suoi più stretti collaboratori, ha inflitto violenze fisiche e minacce nei confronti dei “clienti” non puntuali con i pagamenti.

Le indagini hanno evidenziato inoltre come il 65enne, insospettito dai vari sequestri di stupefacente effettuati dalla Squadra Investigativa, per continuare la propria attività delittuosa, cambiava con costanza le utenze telefoniche, sperando così di non essere intercettato e che i suoi “rifornitori” di riferimento fossero alcuni soggetti che operavano perlopiù nelle Provincie di Alessandria e Pavia.

In proposito si sottolineano due arresti, nei confronti di un 40enne e di un 56enne, sorpresi rispettivamente il primo con oltre 100 grammi tra cocaina ed eroina, il secondo con oltre 400 grammi delle medesime sostanze stupefacenti, entrambi collaboratori fidati del 65enne.

Nel complesso l’operazione di polizia giudiziaria, oltre alle cinque misure cautelari eseguite lo scorso 20 maggio, ha portato all’arresto in flagranza per spaccio di sei persone, alla denuncia in stato di libertà a carico di due soggetti per detenzione, al fine di farne commercio, di stupefacente, all’esecuzione di cinque misure cautelari personali e al sequestro di 890 grammi di eroina e di 268 grammi di cocaina.