Home Cultura Cultura Imperia

Omaggio a Carlo Dapporto al Casinò di Sanremo

0
CONDIVIDI
Il primo ottobre due appuntamenti nel teatro del Casinò: ore 15.00 si parte con l’Omaggio a Carlo Dapporto con Luisa Bianchi, Andrea Panizzi e i fratelli Dapporto

Daniele Novara presenta l’omaggio a Carlo Dapporto al Casinò della città dei fiori.

Il primo ottobre due appuntamenti nel teatro del Casinò: ore 15.00 si parte con l’Omaggio a Carlo Dapporto con Luisa Bianchi, Andrea Panizzi e i fratelli Dapporto

Sanremo,  23 settembre . Due gli appuntamenti previsti per il 1° ottobre nell’ambito dei Martedì Letterari del Casinò di Sanremo. Sempre nel Teatro dell’Opera  alle ore 15.00  Daniele Novara presenta “Cambiare la scuola si può” (Rizzoli). Nel trentennale della morte alle ore 17.00 verrà presentato il volume di Luisa Bianchi e Andrea Panizzi “Carlo Dapporto Trenta e …Lode” (De Ferrari). Gli incontri sono stati inseriti nel piano di formazione dei Docenti e dei Giornalisti.

“Cambiare la scuola si può” (Rizzoli)

Da almeno 100 anni la scuola italiana è impostata allo stesso modo, mentre riforme e “maquillage” educativi, come la digitalizzazione, fingono che le cose stiano cambiando. In realtà nulla si muove: lezioni frontali, compiti a casa, studio mnemonico continuano a essere al centro della didattica, spesso senza motivazioni pedagogiche, e i nostri figli imparano con lo stesso metodo delle generazioni precedenti, come per inerzia. In questo libro Daniele Novara – uno dei più autorevoli pedagogisti italiani – demolisce, uno per uno, i falsi miti dell’istruzione e propone un metodo “maieutico” che, in alternativa alle pratiche antiquate che ancora governano la grande e complessa macchina dell’istituzione scolastica, pone al centro la scuola come comunità di apprendimento: una comunità dove si impara dai compagni, si fanno domande, si sperimenta in laboratorio, si sbaglia e ci si diverte, e in cui l’insegnante agisce come un regista, lasciando il protagonismo ai suoi allievi. Un libro destinato a creare un vivace dibattito ma che soprattutto incita genitori e insegnanti a cercare nuove motivazioni, fornendo intanto alternative concrete e attuabili per ritrovare il senso autentico della scuola. Con un po’ di coraggio, entusiasmo e voglia di uscire dai soliti schemi.

Alle ore 17.00 nel teatro dell’Opera  nel trentennale dalla sua scomparsa Luisa Bianchi e Andrea Panizzi presentano, in anteprima nazionale,  il nuovisismo saggio: “Carlo Dapporto 30 e Lode. ( De Ferrari). Parteciperanno i figli del famoso attore sanremasco”,  a cui il padre ha trasmesso l’affetto per la sua Sanremo. Verrà allestita sino al 13 ottobre la mostra fotografica unita al volume.

Luisa Bianchi è riuscita a ricreare attraverso foto, documenti e testimonianze inedite la vita e il rapporto di Carlo Dapporto con la sua Sanremo. nella prima parte del saggio  si riscopre un “Agostino ” inedito spesso anche ai suoi figli.

Andrea Panizzi invece nella seconda parte ripercorre i momenti salienti del suo essere attore soprattutto di teatro.

Letture  affidate a Gianni Modena e musica al Maestro Vitaliano Gallo dell’Orchestra Sinfonica  di Sanremo.

Scrive Massimo Dapporto “ La foto del matrimonio con mamma Augusta non l’avevo mai vista, una bellissima coppia. Io ero già nato da quasi un anno-Pensa se non si fossero spostai-mi sono detto. Beh per mio padre non sarebbe stata la prima volta, ne sa qualcosa mia sorella Giancarla, ma per fortuna il matrimonio c’è stato, altrimenti di papaà si sarebbe potuto dire:” fai il figlio d’arte e mettilo da parte”.

Ha scritto Giancarla Dapporto:” Ringrazio Luisa Bianchi e Andrea Panizzi, per la ricerca appassionata e approfondita della vita privata e artistica di un grande innovatore del teatro di Rivista in Italia. Il lettore potrà gustare, in queste pagine traboccanti di foto, barzellette e sketch, la personalità originale di Carlo Dapporto in tutta la sua simpatia.”

L’8 ottobre alle ore 16.30 nel Teatro dell’Opera nell’ambito del ciclo:”La cultura della Legalità” Edmondo Bruti Liberati si soffermerà su :”Magistratura e società nell’età Repubblicana.” Partecipa la dott.sa Grazia Pradella, Procuratore Aggiunto di Imperia.