Home Politica Politica Genova

Nodo ferroviario e Terzo Valico, Senarega: M5S affonda opere genovesi nel pantano romano

0
CONDIVIDI
Viceministro delle Infrastrutture Edoardo Rixi e capogruppo regionale Franco Senarega (Lega)

“Sblocca cantieri. Disinformazione o l’ennesimo abbaglio da parte dei M5S, che ieri hanno puntato il dito contro il nostro viceministro Edoardo Rixi sostenendo addirittura che sia colpevole di rallentare il cosiddetto Nodo ferroviario di Genova”.

Lo ha dichiarato oggi il capogruppo regionale Franco Senarega (Lega).

“Una delle solite ‘sparate’ pre-elettorali o bufale – ha aggiunto Senarega – da far circolare sui social network per gettare discredito su chi lavora in modo proficuo e con buonsenso nell’interesse dei cittadini o per confondere le idee tra gli elettori e non prendere decisioni allo scopo di affondare nel pantano romano le opere pubbliche necessarie alla Liguria e al Paese, bloccate da anni.

Anziché attaccare un viceministro così capace e competente, dopo il miliardo di euro per Genova, il proficuo lavoro per le infrastrutture, il porto e lo sviluppo della nostra città e della regione, i pentastellati liguri dovrebbero solo che ringraziarlo per  i risultati ottenuti e il concreto impegno profuso a favore del territorio.

In realtà, non è vero che Rixi e la Lega abbiano vincolato il Nodo ferroviario genovese alla Tav, che essendo una grande opera in cui è coinvolta anche la Francia, logicamente non può essere ‘commissariata’ dal Governo italiano.

Come ha ben spiegato il nostro viceministro delle Infrastrutture e Trasporti, l’emendamento per l’accorpamento dei lavori Terzo Valico e Nodo di Genova è stato oggetto di un incredibile valzer da parte dei parlamentari del M5S, che se dovesse continuare avrebbe come conseguenza il perdurare dello stallo dell’opera ferroviaria per il capoluogo ligure rendendo quindi ‘monco’ il Terzo Valico, una volta ultimato.

Pertanto, come dimostrano i fatti, chi vuole fermare le opere strategiche per Genova, la Liguria e il Paese semmai è il M5S.

Senz’altro non lo sono il viceministro Rixi e la Lega, che invece lavorano con serietà, tenacia e competenza per un futuro migliore anche attraverso lo sviluppo del nostro territorio e dell’Italia”.

In una nota congunta, ieri la senatrice genovese Elena Botto e la capogruppo regionale Alice Salvatore (M5S) avevano dichiarato: “L’unico che sta rallentando l’accorpamento dei lavori del Terzo Valico e del Nodo ferroviario di Genova, e quindi la loro realizzazione, è il viceministro Rixi.

Lui e la Lega, con il goffo tentativo di inserire come prioritario anche il Tav nell’emendamento allo ‘Sblocca cantieri’ sul progetto di accorpamento, di fatto sono i veri responsabili del rallentamento dell’esecuzione delle due opere così strategiche per il territorio ligure”.