Home Cultura Cultura Genova

Mazza: promuovere nostre tradizioni e cultura, rinsaldare rapporti con liguri emigrati all’estero

0
CONDIVIDI
Liguri nel mondo: Croce di San Giorgio sfila a Manhattan per la Columbus Parade

“Oggi pomeriggio in II Commissione consiliare abbiamo approvato, a maggioranza, la proposta di deliberazione che definisce il Programma Emigrazione e individua le iniziative di interesse regionale per una serie di interventi finalizzati a promuovere le nostre tradizioni e rinsaldare i rapporti con gli emigrati all’estero”.

Lo ha dichiarato oggi il consigliere regionale Vittorio Mazza (Lega).

“Per la comunicazione – ha aggiunto Mazza – è stato quindi riconosciuto un contributo all’Associazione dei Liguri nel Mondo, impegnata nella pubblicazione del notiziario ‘Gens Ligustica in Orbe’ in formato cartaceo e digitale.

Tra gli altri interventi, sono compresi quelli che riguardano la Giornata dell’emigrante di Favale di Malvaro, l’evento dedicato a Frank Sinatra ‘Hallo Frank!’, il Premio di poesia Lerici Pea, la Festa dell’emigrazione in Valbrevenna, l’attività di ricerca dell’associazione Sessarego nel mondo, la manifestazione organizzata dal Comune di Serra Riccò per il gemellaggio con il quartiere Villa del Parque di Buenos Aires, la manifestazione organizzata dal Circolo italo brasiliano in Brasile nello Stato di Minas Gerais. Inoltre, sono previsti interventi a sostegno delle associazioni rappresentative degli emigrati liguri sparse in tutto il mondo.

Regione Liguria ha proposto anche un contributo di solidarietà a favore di cittadini disagiati di origine ligure e in condizioni di indigenza residenti all’estero, che vengono segnalati dalle nostre associazioni.

Ai fini del rientro e inserimento nel territorio regionali degli espatriati, sono stati previsti contributi diretti a favorire la prima sistemazione e l’accoglimento degli emigrati liguri per nascita o residenza posseduta al momento dell’espatrio, dei loro coniugi e discendenti che siano rientrati definitivamente dopo almeno quattro anni di lavoro all’estero per risiedere in Liguria”.