Home Politica Politica Italia

Libertà di stampa, M5S censura giornalista non gradito. Roba d’altri tempi

0
CONDIVIDI
Casaleggio (M5S)

Libertà di stampa e dissenso vietato. Intolleranza. Al giornalista Jacopo Iacoboni oggi è stato negato l’ingresso all’evento “SUM#02 Capire il futuro” organizzato a Ivrea dall’associazione Gianroberto Casaleggio, presieduta dal figlio Davide.

Un divieto motivato non dalla mancanza di accredito giornalistico, ma “per ragioni personali” come comunicato dall’ufficio stampa del Movimento 5 Stelle facendo riferimento ad articoli scritti da Iacoboni.

Lo ha annunciato nel pomeriggio il quotidiano torinese La Stampa.

Federazione nazionale della Stampa italiana, Ordine nazionale dei giornalisti, Associazione stampa Subalpina e Ordine dei giornalisti del Piemonte hanno espresso pieno sostegno a Iacoboni: “Grave discriminazione, oltre che un chiaro tentativo di negare il diritto di cronaca. Si tratta di episodi sempre più diffusi, e per questo da condannare e respingere da qualsiasi parte provengano”.

Ecco il comunicato diffuso dal Comitato di redazione:

“Il Cdr de La Stampa esprime la piena solidarietà al collega Jacopo Iacoboni, a cui oggi è stato impedito di svolgere il suo lavoro di cronista all’evento Sum#02, organizzato a Ivrea dall’associazione Gianroberto Casaleggio, presieduta dal figlio Davide.

Con un comportamento imbarazzante, che ricorda quello dei buttafuori delle discoteche, al giornalista è stato negato l’accesso dallo staff dell’organizzazione.

Riteniamo gravissimo che il divieto sia stato motivato ‘per ragioni personali’ come comunicato dallo stesso ufficio stampa del Movimento 5 Stelle, facendo riferimento ad articoli scritti da Iacoboni.

Consideriamo inaccettabile e inqualificabile che a un giornalista, e alla testata che rappresenta, venga impedito di fare il proprio lavoro perché si dissente da ciò che ha scritto.

Questi metodi da pseudo democrazia virtuale e dittatura del Grande Fratello non appartengono ai nostri valori e alla nostra cultura. Svolgere attività di censura non è il miglior biglietto da visita per un Movimento che lavora per governare il Paese”.

Ecco la replica dei pentastellati:

“In merito a quanto sostenuto da diversi organi di stampa circa il negato accesso di Jacopo Iacoboni all’evento SUM#02 dell’Associazione Gianroberto Casaleggio a Ivrea, gli organizzatori comunicano che il giornalista de La Stampa non ha mai presentato domanda di accredito, né entro i termini stabiliti né tardivamente. Inoltre, in rappresentanza del quotidiano La Stampa era già stato accreditato il giornalista Ilario Lombardo”.