Home Cultura Cultura Italia

Libano, a rischio fame già 2,2 milioni di minori

0
CONDIVIDI
Libano, a rischio fame già 2,2 milioni di minori

Libano, Save the Children, l’inizio del coprifuoco minaccia la salute e la sicurezza dei bambini più vulnerabili

Bloccata la formazione per tutti i bambini. I più poveri rischiano di abbandonare per sempre la scuola. L’Organizzazione invita il governo libanese a concedere accesso illimitato alle associazioni umanitarie e a implementare un’assistenza sociale trasparente per non lasciare nessuno indietro

Il coprifuoco di 10 giorni in Libano, iniziato giovedì, e il lockdown di un mese minacciano la salute e la sicurezza dei bambini vulnerabili poiché le loro famiglie stanno esaurendo il cibo e le medicine mentre i più piccoli perdono la loro formazione.

Soprattutto le famiglie più povere, già alle prese con la fame a causa dei minori sussidi per il pane e dell’aumento dei prezzi dei generi alimentari, non hanno potuto permettersi di fare scorta di cibo prima della chiusura dei supermercati per il coprifuoco. Si stima che circa 2,2 milioni[1] di bambini corrano già il rischio di soffrire la fame. Lo denuncia Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

“Se vado al supermercato, posso acquistare solo quello che mangeremo domani, non la prossima settimana o il prossimo mese. È impossibile per me fare scorta. Lavoravo e risparmiavo soldi per i giorni bui, non mi aspettavo si trasformassero in mesi bui. Sono impreparato davanti alla chiusura di dieci giorni perché il mio sostentamento dipende dal mio reddito quotidiano. C’è la possibilità di non lavorare per tutto il mese e per quello successivo” ha detto Salim *, padre di due figli che ha dovuto chiudere il suo negozio di barbiere a Beirut a causa del lockdown e ora è senza reddito.

Nell’ultimo anno le famiglie in Libano hanno riferito al personale di Save the Children che sono state costrette, a causa della svalutazione della valuta e del collasso economico senza precedenti, a mangiare meno pasti, sempre meno nutrienti. Save the Children ha avvertito che l’attuale blocco costringerà le famiglie a ridurre ulteriormente le porzioni di cibo, mettendo ancora più a rischio il benessere fisico e mentale dei minori vulnerabili.

Nel frattempo, i bambini stanno anche affrontando una prolungata interruzione della loro istruzione, che era già stata lungamente interrotta dallo scoppio della pandemia. Con le scuole chiuse almeno fino a febbraio per frenare i tassi di infezione da COVID-19, e forse più a lungo, centinaia di migliaia di minori in età scolare verranno lasciati senza istruzione durante il mese di lockdown. I bambini che non vanno a scuola corrono maggiore rischio di cadere vittime di abusi.

Molti bambini più poveri spesso non hanno alcun accesso all’apprendimento remoto, perché le loro scuole non offrono lezioni online o perché hanno un accesso limitato a Internet, elettricità, laptop o dispositivi. Questo lockdown minaccia di espellerli per sempre dalla scuola, essendo sempre più spinti a lavorare per sostenere il reddito familiare.

Inoltre, i genitori dicono di non potere sostenere più le lezioni nelle scuole private con il calo dei redditi e, quindi, la mancanza di accesso alla tecnologia e l’assenza di spazio nelle scuole statali rischiano di fare uscire i loro figli dalla scuola.

“Entrambi i miei due figli studiano online utilizzando lo smartphone di mia moglie. È l’unico dispositivo disponibile. Il consumo di dati su Internet ci sta mettendo a dura prova”, ha detto Adam *, aggiungendo, come tanti altri genitori, di non essere stato in grado di pagare l’intera retta e che, per tale motivo, hanno sospeso l’account scolastico della figlia.

“L’impatto di questo coprifuoco si fa sentire in ogni angolo della società libanese. Dietro le porte chiuse dei supermercati e le lunghe file fuori dai forni si cela una realtà molto cupa, la sopravvivenza è diventata una missione quotidiana per milioni di bambini e per le loro famiglie. Anche l’istruzione dei bambini è a maggior rischio durante il mese di lockdown. Soluzioni convenienti come le applicazioni di messaggistica sicura dovrebbero continuare a essere promosse insieme ai libri di testo e ai fogli di lavoro cartacei per garantire che i bambini continuino a imparare a casa durante il coprifuoco e il lockdown” ha dichiarato Jennifer Moorehead, Direttore di Save the Children in Libano.

“Il benessere dei bambini è minacciato. Il disastro può essere evitato se agiamo immediatamente. Questo è il motivo per cui chiediamo al governo di concedere l’accesso illimitato a organizzazioni umanitarie come Save the Children[2] per consentirci di fornire l’assistenza necessaria e salvavita come denaro e cibo. Nel frattempo, il governo deve implementare un’assistenza sociale trasparente per i bambini vulnerabili per assicurarsi che nessuno venga lasciato indietro durante il coprifuoco o il lungo lockdown” ha aggiunto Jennifer Moorehead.

* I nomi sono stati modificati per proteggere le identità dei bambini