Home Sport Sport Genova

La Pro Recco itinerante vince anche a Bergamo

0
CONDIVIDI
La Pro Recco itinerante vince anche a Bergamo

Nella seconda giornata di Champions League i biancocelesti superano gli spagnoli del Terrassa per 15-5 trascinati da un super Di Fulvio, autore di sei gol, e salgono a sei punti in classifica insieme alle ungheresi Ferencvaros e Osc.

Antipasto pre match con il patron Gabriele Volpi premiato da Sergio Lanza, suo ex giocatore ai tempi del Fanfulla e attuale dirigente della Pallanuoto Bergamo, sodalizio affiliato all’Academy che ha supportato la Pro Recco nell’organizzazione della partita.

In acqua Rudic presenta due novità rispetto alla vittoria di Marsiglia: ci sono Luongo e Renzuto Iodice per Velotto e Fondelli. Tra i pali, senza Bijac infortunato, gioca Massaro.

Il primo tempo della Pro Recco è perfetto: doppio Di Fulvio, un gol a testa per Dobud, Renzuto e Kayes; finisce 5-1 con tre superiorità su tre e una sola rete subita con l’uomo in più. Filipovic tira sul palo un rigore procurato da Dobud in apertura di secondo parziale, poi si fa perdonare con un gol in controfuga. Applaudono in tribuna anche i connazionali, l’ex calciatore Dejan Stankovic e il cestista dell’Armani, Vladimir Micov. I biancocelesti producono ma non concretizzano, Rodriguez punisce Massaro con un gol in superiorità che è la fotocopia del primo di Sanahuja. La controfuga di Luongo con Prieto nel pozzetto, e il diagonale di Buslje da posizione 2, fanno calare il sipario sull’8-2 a metà gara.

Alla Pro Recco servono poco più di due minuti del terzo tempo per andare in doppia cifra con un gol alla Luongo e il solito Di Fulvio in superiorità. Il pescarese fa anche poker con il super diagonale dell’11-3. Bergamo applaude convinta anche il bolide alla velocità della luce di Mandic che vale il 12-4. È degli spagnoli, però, l’ultima gioia del quarto con Gutierrez. Il quarto tempo è il “Di Fulvio show”, doppietta da campione e sei gol a referto. La difesa non concede più nulla al Terrassa, Figlioli trasforma il rigore del 15-5 a due minuti dalla sirena che sigilla la partita.”Ho visto miglioramenti rispetto alla gara di Marsiglia – ammette mister Rudic – soprattutto nella fase difensiva. In attacco abbiamo creato tanto ma sbagliato diverse facili occasioni: ci sta, siamo in una fase di preparazione fisica e i giocatori non sono nella migliore forma”.”Grandissimo pubblico che ci ha spinti alla vittoria già nel primo tempo – commenta l’uomo del match, Francesco Di Fulvio -. Ci eravamo imposti di migliorare rispetto alla prima partita di Champions e lo abbiamo fatto. Andiamo avanti su questa strada consapevoli che per vincere la coppa dobbiamo raggiungere la perfezione”