Home Cronaca Cronaca Savona

La Polizia Locale di Varazze rimuove i veicoli abbandonati

0
CONDIVIDI
La Polizia Locale di Varazze rimuove i veicoli abbandonati

Durante il secondo semestre 2020, la Polizia Locale di Varazze ha attivato un capillare monitoraggio del territorio comunale circa la rimozione dei veicoli abbandonati e in disuso.

Nel complesso sono state avviate 94 pratiche relative ad altrettanti veicoli tra ciclomotori, motocicli, autovetture, autocarri, autocaravan, dei quali 32 sono stati avviati alla rottamazione.

La Polizia Locale di Varazze rimuove i veicoli abbandonati

Invece 39 veicoli, a seguito della constatazione di abbandono e diffida alla rimozione, sono stati recuperati dai relativi proprietari.

Per altri 23 veicoli sono in corso di definizione le procedure che porteranno ad altre rimozioni o al recupero da parte dei proprietari.

Inoltre sono stati recuperati due veicoli che sono risultati oggetto di furto, che sono stati restituiti ai legittimi proprietari.

Nel complesso sono state elevate sanzioni per circa 27.000 €, in particolare ai sensi della normativa del Codice della Strada, per la revisione periodica dei veicoli e a quella del Testo Unico Ambientale per l’abbandono dei rifiuti.

“Ho seguito personalmente il lavoro svolto – interviene l’Assessore Giusto Ambrogio – è stato un progetto importante che è partito nel 2019 con l’ausilio dei Carabinieri Forestali e che ora stiamo portando avanti, con ottimi risultati, con il Comando della Polizia Locale che ringrazio per l’impegno profuso”.

“La sinergia tra le forze in campo è un elemento imprescindibile per il controllo del territorio – afferma il Vicesindaco Pierfederici Luigi – questo è un progetto molto importante che nasce proprio dalla collaborazione tra Istituzioni e che oggi il nostro Comando sta portando avanti con professionalità e competenza considerando anche che gli adempimenti amministrativi in merito non sono affatto banali trattandosi di rimozione di veicoli in stato di abbandono. Sono diversi i temi, soprattutto ambientali, che bisogna trattare con estrema attenzione ma con altrettanta collaborazione tra le forze impegnate sul territorio”.