Home Sport Sport Genova

Hiljemark e Pereira: A Frosinone spezzeremo il tabù trasferta

0
CONDIVIDI
Hiljemark

C’è aria di festa in Zona-Mista negli spogliatoi di Marassi. Passa Criscito con un grande sorriso, e saluta tutti calorosamente. Poi arriva Hiljemark, il biondo centrocampista, autore di una buona prova.

-Oscar, una bella partita, una grande partita del Genoa…

“Si abbiamo lavorato tantissimo in questi giorni, tutti assieme, per riuscire a centrare questo obiettivo. A centrocampo abbiamo lavorato bene e con sacrificio. Tutti dobbiamo coprire al meglio il campo, sia quando si attacca sia quando si difende. Direi che oggi, rispetto ad altre gare,  abbiamo giocato meglio con la palla a terra… insomma mi e sembrato un buon Genoa.”

– Piatek segna sempre, ma sicuramente il merito è di tutta la squadra…

“Veramente lui è un grande giocatore, gioca con facilità e soprattutto segna ad oggi partita. Con un giocatore cosi possiamo pensare di giocare sempre per vincere, cercando di ottenere i tre punti ad ogni partita”.

-Stasera la squadra sembrata più equilibrata rispetto a domenica scorsa…

“Oggi abbiamo corso di più… ma anche domenica all’inizio non giocavamo male. In serie A qui in Italia ogni gara è difficile, non c’è gara facile. Io comunque credo che possiamo fare una grande stagione. Teniamo presente che sono arrivati tanti compagni nuovi, e piano piano non si può fare altro che migliorare. Oggi abbiamo creato tante occasioni da gol, e questo è importante”.

– Ora occorre fare punti fuori casa…

“Si, è vero. Occorre carattere e sono certo che già da domenica prossima faremo punti fuori casa. Sarà una partita difficilissima, perché i nostri avversari vogliono assolutamente incamerare i primi importanti punti”.

Dopo il biondo centrocampista rossoblu ecco Pedro Pereira, uno dei migliori della partita.

– Pedro, altra gara in casa, altro successo… ora occorre fare punti contano da Marassi…

“Abbiamo giocato un’ottima partita, e questo ci da una spinta decisiva per riuscire ad imporre il nostro gioco fuori casa…”

-Oggi hai giocato in un ruolo per te nuovo…

“Si, in un ruolo che non avevo mai giocato; ed è andata bene grazie all’aiuto che ho avuto dai miei compagni grazie anche al mister che mi ha dato precise indicazioni. Mi sono adattato bene, attaccando e difendendo a tutto campo. Domenica a Frosinone se giocato con la stessa grinta possiamo portare a casa i tre punti”

– Ci potrebbe essere un po’ di stanchezza, tre gare in sette giorni…

“Non penso, perchè abbiamo fatto una preparazione pensando proprio a questi carichi di lavoro improvvisi che impone il campionato. Siamo tra l’altro un gruppo a mio parere molto forte, anche perché il mister ad ogni partita può scegliere gli elementi più adatti da mandare in campo. No, non patiremo la stanchezza, questo è certo”.

– Ti aspettavi una partenza cosi forte di Piatek?

“Sinceramente, sin dalle prime volte che l’ho visto in ritiro, pensavo che avrebbe potuto darci una grossa mano. Nonostante ciò, ad ogni partita mi stupisce sempre di più! La facilità di come gioca… tutto per lui  semplice! Va in gol con una facilità disarmante, è rapidissimo e continua a segnare”.

– Per concludere, domenica finalmente arriveranno i primi punti in trasferta?

“Si, ne sono certo, se restiamo concentrati come questa sera. Ricordiamoci che  Frosinone è un campo difficile, anche perché c’è un pubblico che trascina la squadra. Ma se giochiamo da Genoa, riusciremo a tornare a casa con un risultato positivo”.

Franco Ricciardi

Pedro Pereira