Home Cronaca Cronaca Italia

Guerriglia a Torino, da antagonisti pietre contro la polizia

0
CONDIVIDI
Guerriglia a Torino, da antagonisti pietre contro la polizia
Vigilia elettorale: guerriglia urbana nel centro di Torino durante il corteo di protesta contro l’evento di CasaPound.

Sotto la pioggia, in centinaia hanno partecipato alla manifestazione che è partita dalla stazione ferroviaria di Porta Nuova. Gruppi di antagonisti hanno tentato più volte di entrare nella zona protetta dai cordoni di polizia per garantire lo svolgimento del comizio elettorale del leader di CasaPound Simone Di Stefano in un albergo tra corso Bolzano e corso Vinzaglio.

Un primo episodio si è verificato in una via laterale, il secondo in corso Vittorio Emanuele, sotto il grattacielo di Intesa SanPaolo, dove alcuni manifestanti hanno divelto le recinzioni di un cantiere stradale vicino alla stazione ferroviaria di Porta Susa e hanno raccolto pietre scagliandole contro le Forze dell’ordine.

Oltre alla sassaiola, contro la polizia sono state lanciate bottiglie di vetro e bombe carta (alcune con schegge di metallo). Inoltre, sono stati rovesciati per strada alcuni cassonetti dei rifiuti. Danneggiati l’arredo urbano, negozi e locali a piano strada.

Gli agenti hanno risposto con idranti e lacrimogeni, cercando di disperdere i manifestanti che si sono diretti verso corso Inghilterra, dove si trova la stazione dei terminal dei bus.

Una giovane manifestante ed un giovanissimo antagonista sono stati bloccati dalla polizia. Tre agenti risultano feriti.

Aggiornamento:

Secondo gli ultimi accertamenti, durante gli scontri sono rimasti feriti altri tre poliziotti. Complessivamente quindi sono sei. Uno degli agenti è stato colpito dalla schegge di metallo di una bomba carta ed è stato ricoverato in ospedale per essere sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Altre schegge metalliche sono state trovate conficcate nelle protezioni indossate dai poliziotti in assetto antisommossa.

“Dicevano di voler stanare i fascisti – ha dichiarato il sindacato di polizia Sap – ma hanno devastato Torino. Hanno ferito dei poliziotti lanciando bombe carta, pietre e bottiglie. Questi non sono antifascisti ma dei pazzi criminali”.

 

Guerriglia a Torino, da antagonisti pietre contro la polizia