Home Cronaca Cronaca Genova

Giardini di Plastica, bivacchi abusivi: fatti sloggiare 4 italiani, un romeno e un africano

0
CONDIVIDI
Giardini di Plastica in centro a Genova (foto di repertorio)

Genova, agenti della Polizia Locale in azione contro “il fenomeno dei bivacchi abusivi e comportamenti incivili nei parchi e giardini pubblici”.

Tra ieri e oggi nei giardini Baltimora in centro città, conosciuti come i Giardini di Plastica, gli agenti del reparto Vivibilità e Decoro hanno identificato e sanzionato un gruppo di giovani che bivaccavano senza permesso.

Nello specifico si tratta di 4 italiani, un romeno e un africano del Mali, che sono stati allontanati. Uno di loro, dopo una più lunga procedura di identificazione in quanto privo di qualsivoglia documento di identità, è stato anche denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale.

Il Comando della Polizia Locale ha inoltre riferito che per tutta la settimana prossima sono stati predisposti appositi controlli che vedranno impegnati agenti del I Distretto, con quello del Reparto Vivibilità e Decoro supportati dall’autoreparto e da reparto di polizia giudiziaria.

Un secondo intervento è stato effettuato dai colleghi del II Distretto a Sampierdarena nei giardini Pavanello, nella zona compresa tra via Walter Fillak e il Campasso.

La pattuglia ha aiutato i sanitari della Croce rossa mentre prestavano soccorso a una persona in difficoltà, che non si era rivolta ai Servizi sociali né agli enti e associazioni di volontariato che sul territorio genovese offrono da sempre un letto e assistenza ai più sfortunati.

Si tratta di un 70enne italiano senza fissa dimora, che si era rifugiato sotto una pianta dei giardini nel tentativo di ripararsi dalla rigidità della temperatura notturna e si trovava in stato di ipotermia, ma reagiva in maniera brusca, rifiutando l’assistenza dei soccorritori.

Gli agenti hanno avvicinato 70enne, calmandolo e convincendolo a fornire i suoi dati per acconsentire al trasporto in ambulanza verso il pronto soccorso dell’ospedale Villa Scassi. Il caso è stato poi segnalato ai responsabili dei Servizi sociali del Comune di Genova.

 

!-- Composite Start -->
Загрузка...