Home Politica Politica Italia

Frontex: Italia ha fatto crollare arrivi migranti (-80%). Salvini: meno partenze meno morti

0
CONDIVIDI
Agenzia europea Frontex

“L’anno scorso il numero di attraversamenti illegali di frontiera alle frontiere esterne dell’Europa è diminuito di un quarto (rispetto al 2017) a circa 150.000, il livello più basso in cinque anni.

Il totale per il 2018 è stato anche del 92% al di sotto del picco della crisi migratoria del 2015 (all’epoca del governo Renzi, ndr).

Il crollo è dovuto al drastico calo del numero di migranti che percorrono la rotta del Mediterraneo Centrale verso l’Italia. Il numero di rilevamenti di attraversamenti irregolari su questa rotta è infatti sceso dell’80% (rispetto al 2017) a poco più di 23.000“.

E’ quanto dichiarato nell’ultimo report rilasciato l’altro ieri dall’agenzia europea Frontex. Con questi dati, l’Agenzia europea ha dato ragione a Matteo Salvini che è riuscito, nonostante l’attività delle navi Ong straniere politicamente supportata da Pd e sinistra, nell’impresa di fermare l’ondata dell’immigrazione illegale in Italia e in Europa.

Il ministro dell’Interno oggi su Fb ha aggiunto che anche i responsabili delle Nazioni Unite hanno riconosciuto il proficuo lavoro del nostro Paese: “Crollo degli sbarchi. Meno partenze, meno tragedie nel Mediterraneo. Lo dice anche l’Onu. Io l’ho detto per anni e sono contento di averlo fatto. Stop alla mangiatoia sui clandestini, stop al traffico di essere umani. Vado avanti. Non mollo di un centimetro”.

Numero di attraversamenti irregolari ai confini europei al livello più basso in 5 anni – Frontex

“La rotta del Mediterraneo Centrale – hanno aggiunto i responsabili di Frontex – ha visto il più piccolo numero di entrate irregolari dal 2012. Il numero di partenze dalla Libia è sceso dell’87% rispetto a un anno fa e quelle dall’Algeria sono diminuite di circa la metà. Le partenze dalla Tunisia sono rimaste pressoché invariate. Tunisini ed Eritrei erano le due nazionalità più rappresentate su questa rotta, che insieme rappresentano un terzo di tutti i migranti.

Nel frattempo, il numero di arrivi in ​​Spagna attraverso la rotta del Mediterraneo Occidentale è raddoppiato lo scorso anno per il secondo anno consecutivo a 57.000, diventando così la rotta migratoria più attiva in Europa per la prima volta da quando Frontex ha iniziato a raccogliere dati.

Sulla rotta del Mediterraneo Occidentale, il Marocco è diventato il principale punto di partenza per l’Europa. La maggior parte dei migranti su questa rotta proveniva da paesi sub-sahariani, anche se negli ultimi mesi il numero di migranti marocchini è aumentato fino a diventare la massima nazionalità segnalata. Seguiti da guineani, maliani e algerini.

Il numero di rilevamenti di attraversamenti illegali di frontiera sulla rotta del Mediterraneo Orientale è aumentato di circa un terzo fino a 56 000. Ciò è stato causato principalmente da un numero più elevato di migranti che attraversano il confine terrestre tra la Turchia e la Grecia, mentre il numero totale di rilevamenti nel Il Mar Egeo orientale era approssimativamente in linea con il 2017. Tuttavia, il numero di arrivi registrati a Cipro è più che raddoppiato. I cittadini dell’Afghanistan, della Siria e dell’Iraq rappresentavano il maggior numero di migranti irregolari sulla rotta marittima nel Mediterraneo orientale, mentre i cittadini turchi erano la principale nazionalità sul confine terrestre turco-greco.

L’anno scorso, Frontex ha iniziato per la prima volta a raccogliere dati dettagliati sul genere e sull’età dei migranti irregolari. Questi hanno dimostrato che le donne rappresentavano il 18% di tutti i passaggi illegali di confine all’ingresso da Paesi terzi.

Quasi uno su cinque dei migranti rilevati ha dichiarato di avere meno di 18 anni, con circa 4.000 minori non accompagnati segnalati all’ingresso alle frontiere esterne dell’UE nel 2018″.

I responsabili di Frontex hanno poi precisato: “I dati presentati in questa dichiarazione sono preliminari e si riferiscono al numero di rilevazioni di valichi di confine illegali alle frontiere esterne dell’Unione europea. La stessa persona può tentare di attraversare il confine più volte in luoghi diversi al confine esterno”.