Home Cronaca Cronaca Genova

Genova, protesta ristoratori: M.I.O. va, ma senza sigla

0
CONDIVIDI
I ristoratori in piazza De Ferrari

“Come ogni maledetto lunedì” ristoratori, ma non solo, che scendono in piazza ma con un colpo di scena che anima la vigilia.

Con un post domenicale, Enrico Vinelli responsabile in Liguria di M.I.O Italia, ha annunciato che la sua organizzazione non parteciperà. Una decisione per certi versi inaspettata.

Lunedì prossimo i ristoratori liguri (e non solo) tornano in piazza contro il Governo

Decisione che arriva dopo che nei giorni precedenti da parte di Vinelli stesso c’erano state comunicazioni social di segno molto differente.

Ultimo della serie era stato un post che chiamava all’adunata di domani a partire dalle 15.00 in Piazza De Ferrari, la sua organizzazione a braccetto con la nuova sigla #protestaligure nata dalle ceneri dell’hastag precedente. Segno social che faceva riferimento ai ristoratori liguri.

In questo caso il cambio si era reso necessario dopo che uno dei fondatori aveva preferito sfilarsi dalla sigla che, fino a quel momento, si era data appuntamento ogni lunedì sotto il palazzo di Regione Liguria per testimoniare le difficoltà dei ristoratori in seguito alle restrizioni derivanti all’emergenza Covid.

Vinelli
Vinelli

Nei giorni scorsi c’erano state anche dichiarazioni polemiche sull’evento.

Lunedì 15, poi, la manifestazione da consueta e statica, si era trasformata in eccezionale e itinerante.

Un salto di regole, con conseguente occupazione della sopraelevata e del centro cittadino da parte dei manifestanti, che aveva portato a seri contraccolpi, polemiche e relative indagini da parte della Digos.

In questo contesto si inserisce il post di Enrico Vinelli, che, come M.I.O, cancella, con un’ ideale X rossa ad evidenziare il distacco dall’appuntamento.

Per farci spiegare meglio le ragioni di questa inversione di rotta abbiamo sentito il diretto interessato.

“Dopo attenta riflessione e confronto anche con gli organizzatori ed i vertici di #protestaligure, M.I.O Italia ha deciso di non partecipare alla manifestazione con la sua sigla. Lo facciamo nel rispetto delle decisioni di tutte le persone che saranno in piazza e che non vogliono essere rappresentate da nessuno”.

– Vuol dire che vi staccate dalla protesta?

“Per nulla, ci mancherebbe! Infatti, pur condividendone i principi ed i contenuti M.I.O Italia non sarà in piazza con la sua sigla, ma i rappresentanti dell’ associazione saranno assolutamente liberi di partecipare e di far sentire loro voce”.

-Quindi nessuna spaccatura?

“Noi speriamo che possa essere una grande manifestazione in linea con i principi che la animano e che tutto si svolga nel pieno rispetto delle regole come da sempre hanno dimostrato di saper fare i genovesi”. Marco Benvenuto