Home Politica Politica Genova

Genova, consegnati i tesserini ai nuovi Cantuné: 18 donne e 20 uomini

0
CONDIVIDI
I 38 nuovi agenti della Polizia Municipale di Genova

Oggi, nel corso di una cerimonia ufficiale, 38 nuovi agenti (18 donne e 20 uomini) hanno ricevuto i tesserini che rappresentano il loro ingresso nel Corpo della Polizia Municipale di Genova.

Si tratta di giovani dai 30 ai 35 anni, ma il più anziano ha 44 anni, che hanno superato il concorso indetto nei mesi scorsi da Palazzo Tursi per rinforzare l’organico e garantire più sicurezza nelle strade della nostra città.

“Benvenuti ai nuovi Cantuné. Il sindaco si era impegnato in campagna elettorale ad aumentare le forze municipali – ha spiegato l’assessora al Personale Arianna Viscogliosi – e noi ci siamo attivati in questo senso. Questo nuovi agenti sono l’interfaccia tra la cittadinanza e la pubblica amministrazione e quindi svolgono un ruolo istituzionale fondamentale”.

Con la consegna del tesserino i nuovi agenti di polizia municipale entreranno in servizio sul territorio.

“Questi nuovi agenti, che verranno formati anche sul campo con colleghi più esperti, saranno impiegati in varie mansioni – ha aggiunto l’assessore alla Sicurezza Stefano Garassino – dal nuovo nucleo per la vivibilità al rinforzo dei distretti municipali. Questa azione rappresenta una conferma di come l’amministrazione comunale abbia deciso di investire, come aveva promesso, sul comparto della sicurezza”.

Gli agenti hanno anche seguito un corso organizzato dal Comune di Genova insieme con il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università, con il trait-d’union della Regione Liguria che ha costruito il percorso formativo con l’Università di Genova.

“Noi abbiamo contribuito alla prima formazione stanziando alcune risorse – ha ricordato la vicepresidente e assessora regionale alla Sicurezza Sonia Viale – c’è stato un forte momento di collaborazione con il Comune sui temi. Nel 2018 la Regione ha stanziato un’importante voce di bilancio su questo capitolo e stiamo lavorando a un protocollo con la Prefettura e il Comune di Genova proprio sulla sicurezza partecipata”.