Home Cultura Cultura Genova

Genova città dei Festival

0
CONDIVIDI
Genova città dei Festival
Genova città dei Festival

Genova città dei Festival. Approvati contributi economici per festival e rassegne a valorizzare e promuovere il territorio.

Genova città dei Festival che valorizzino e promuovano cultura e territori.

Su proposta dell’assessore alle Politiche Culturali Barbara Grosso, la Giunta ha approvato anche per l’anno 2021, le linee guida e i criteri per l’assegnazione di contributi economici per la cultura.

Nello specifico per la realizzazione di festival e rassegne che valorizzino e promuovano cultura e territori.

Possono presentare domanda associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali.

Devono evidenziare chiaramente nell’oggetto dello Statuto la valenza artistica e culturale delle attività svolte e che siano costituite da almeno un anno alla data di pubblicazione del bando.

Quest’anno la novità è rappresentata dalla divisione dei contributi in due categorie.

La prima prevede un aiuto economico massimo di 20mila euro per chi organizza eventi della durata minima di 8 giorni con una spesa di complessiva superiore a cinquantamila euro;

la seconda un contributo massimo di 10mila euro per una spesa complessiva inferiore ai 10mila euro e una durata minima di 4 giorni.

Genova città dei Festival
Genova città dei Festival

Nel progetto sono ricomprese anche le produzioni online.

Nel 2020 nonostante le limitazioni e le difficoltà imposte dall’emergenza sanitaria, il Comune di Genova ha selezionato e sostenuto ben 36 festival.

Un finanziamento complessivo di 380mila euro in collaborazione con Iren, Coop Liguria e Cassa di Risparmio di Genova.

Gli eventi, da tenersi nel territorio genovese, dovranno iniziare nel 2021 per concludersi entro aprile 2022.

«I festival e le rassegne teatrali di Genova rappresentano, per qualità, quantità e radicamento sul territorio, una geografia culturale unica, parte dell’identità di quella Genova meravigliosa che vogliamo far vivere a cittadini e turisti.

– L’assessore alle Politiche culturali Barbara Grosso spiega –

Ho voluto ad ogni costo che nonostante le indubbie difficoltà il bando 2021 uscisse, anche con alcune migliorie che ci permetteranno di valorizzare le specificità di ogni proposta selezionata.

Entro giugno il mio assessorato lancerà una nuova call, complementare al bando tradizionale, dedicato ai giovani artisti.

L’intento è quello di incentivare, proteggere e far crescere a Genova una nuova generazione di imprese culturali».

Insieme al bando dei Festival è stato individuato un ulteriore contributo a sostegno della creatività dei giovani artisti.

Verrà quindi attivata una call per trasformare idee innovative in imprese culturali impegnate nell’ambito dello spettacolo dal vivo (teatro, danza, performance multidisciplinari).

Il progetto prevede l’individuazione di otto formazioni artistiche.

Queste saranno accompagnate, da ottobre 2021 a giugno 2022, in un percorso per sviluppare le capacità necessarie a gestire promuovere e sviluppare nuovi progetti culturali in forma d’impresa.