Home Cronaca Cronaca Savona

GdF Savona | Sei arresti per spaccio: il capo era egiziano

0
CONDIVIDI
Il sequestro dello stupefacente operato dalla GdF

Questa mattina i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Savona stanno dando esecuzione a 6 ordinanze di custodia cautelare in carcere, disposte dal Gip del Tribunale di Savona, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di altrettanti cittadini extracomunitari, di nazionalità egiziana e marocchina, residenti in Liguria e Lombardia, per spaccio di sostanze stupefacenti.

Gli arresti scaturiscono da un’articolata e complessa attività investigativa, condotta dalla Compagnia di Savona, iniziata nel settembre 2020, che si è sviluppata attraverso attività tecniche, affiancate da servizi di osservazione, controllo e pedinamento.

Il capo dell’organizzazione, per un periodo di tempo, ha anche diretto l’attività delittuosa del sodalizio direttamente dall’Egitto.

L’attività investigativa svolta ha consentito di accertare che l’’organizzazione criminale spacciava tra Savona, Albissola e Varazze, fino a 5 kg di hashish al mese, rifornendosi nelle piazze di spaccio di Torino.

Durante il periodo di lockdown, non potendosi spostare agevolmente oltre i confini della regione, gli spacciatori si approvvigionavano presso Genova ed Albenga.

L’indagine, nel tempo, aveva già portato all’arresto di 3 persone, nella flagranza del reato, mentre un quarto soggetto era stato denunciato a piede libero per lo stesso reato.

Nelle varie operazioni, sono stati sequestrati, quasi 4 kg di hashish, circa 10 mila euro in contanti, bilancini di precisione, telefoni cellulari e due auto.

Al termine della complessiva attività investigativa, il Pm, condividendo l’impianto accusatorio della Polizia Giudiziaria, ha richiesto l’emissione di provvedimenti cautelari personali nei confronti di 6 dei 9 indagati, disposti dal Gip ed oggi eseguiti.

Contemporaneamente, sono in corso di esecuzione da parte dei 40 Finanzieri impegnati nell’operazione, 10 perquisizioni domiciliari presso i luoghi nella disponibilità degli indagati, ubicati nelle province di Savona e Monza, allo scopo di raccogliere ulteriori elementi probatori e ricercare eventuale altra sostanza stupefacente, materiale e attrezzatura per il confezionamento della droga e denaro provento dell’attività illecita.

Tutto questo testimonia, ancora una volta, il costante impegno della Guardia di Finanza nel contrasto allo spaccio e al traffico di stupefacenti e, più in generale, a tutti i traffici illeciti che si svolgono nel territorio savonese.