Home Cronaca Cronaca Savona

Gabbie per cinghiali rimosse ad Albissola Mare in zona Bruciati

0
CONDIVIDI
Cinghiale (foto di repertorio)

Anche su pressione degli animalisti locali e dell’Enpa, su disposizione del sindaco di Albissola Mare, le gabbie per la cattura dei cinghiali installate in zona Bruciati sono state tolte dalla polizia provinciale. Con tale gabbia erano stati catturati un adulto, ucciso in gabbia e quattro cuccioli di cui non è nota la sorte.

Nel caso di presenza di cinghiali vicino agli abitati, come continua ad accadere, nei giorni scorsi sono stati visti un adulto e 6 piccoli, la Protezione Animali savonese ha elaborato una proposta che, a differenza delle catture ed uccisioni, è rispettosa della legge, che prevede l’adozione di metodi incruenti.

Eccola nei dettagli:

Gestione corretta dello smaltimento dei rifiuti; come dimostrano le foto messe a disposizione dall’Enpa, ad Albissola i sacchi della spazzatura sono lasciati in strada anche per giorni, mentre i cassonetti della differenziata sono facilmente rovesciabili ed apribili da parte dei cinghiali, attirati dagli invitanti odori; sono quindi necessarie “isole ecologiche” con recinzioni anticinghiale, o cassonetti più grandi e robusti.

Gabbie per cinghiali rimosse ad Albissola Mare in zona Bruciati

Conferma del divieto assoluto di foraggiare cinghiali, con maggiore vigilanza da parte della polizia municipale; alcuni turisti appena arrivati in vacanza, con seconda casa sulle alture di Albissola e ignari del divieto, stanno distribuendo cibo agli animali, che sono quindi attirati a scendere negli abitati.

Assegnazione gratuita a contadini, agricoltori e possessori di orti, che segnalano danni da cinghiali e caprioli, di recinzioni per difendere le colture; ma anche obbligo di tenere pulite le aree circostanti; Enpa fornirà al Comune ed alla Regione Liguria le foto del degrado presente proprio attorno alla zona dei Bruciati dove era stata installata la gabbia.

Ordine alle locali squadre di cacciatori, attraverso l’ambito territoriale di caccia competente, di organizzare, ad ogni incursione di cinghiali, battute di allontanamento con cani da cinghiale al guinzaglio.

Elaborazione e diffusione di “buone pratiche” contenenti istruzioni di corretto comportamento per le persone che incontrano cinghiali.

Ma occorre infine che ministeri e regioni affidino ad istituti scientifici incarichi di studio di sistemi ecologici di contenimento della fauna selvatica in presunto sovrannumero.

Ricerche in corso in diversi stati, con l’uso di vaccini specie-specifici sterilizzanti, stanno dando promettenti risultati e risolvendo le problematiche connesse.