Home Sport Sport Genova

Entella-Arzachena 1-0, Pellizzer firma il successo

0
CONDIVIDI

“Da oggi non pensiamo più a quello che è stato ma a quello che faremo in ogni partita per mettere sul campo anche tutta la rabbia accumulata in questi mesi”.

Parole e musica di Roberto Boscaglia al termine della terza vittoria per l’ Entella in questo campionato di Serie C che come hanno decretato i giudici del Tar laziale, sarà il campionato di competenza per questa stagione. Si potrebbero scrivere altri fiumi di inchiostro per commentare quanto accaduto ma davvero se ne sono occupati in tanti non soltanto in Italia, ora tutti noi vogliamo tornare a gustarci il piacere di vivere la squadra, gli allenamenti, la preparazione alle partite in casa o in trasferta, la tensione per il risultato, la gioia della vittoria e perché no l’ amarezza della sconfitta, insomma vogliamo soltanto parlare e vivere il calcio per quello sport meraviglioso che è.

Entella Arzachena era la seconda partita in calendario quest’ anno e questa sera i sardi sono scesi al Comunale in un momento sicuramente migliore rispetto allo sciagurato esordio con la Carrarese, Quella di stasera è apparsa squadra equilibrata, tatticamente fin troppo accorta, che ha speso molto nella prima frazione pagando inevitabilmente dazio nel finale quando l’ Entella aveva ancora parecchia birra in corpo ed ha finito in un entusiasmante crescendo di condizione grazie anche ai tanti cambi ai quali Boscaglia può attingere liberamente in virtù di una rosa qualitativamente omogenea. Per le tre gare in 7 giorni il tecnico ha deciso un mini turnover rispetto alla gara con il Pisa. Crialese al posto di Germoni, Di Paola per Paolucci e Adorjan per Currarino. .

Non è una gran serata al Comunale, la pioggia caduta per tutto il pomeriggio accompagna anche l’ ingresso in campo delle squadre. Il pubblico di conseguenza non può essere quello delle grandi occasioni, ma la cinquantina di ammirevoli temerari in Gradinata Sud, i distinti e la Tribuna non hanno mai mancato di far sentire il loro appoggio ai chiavaresi. In avvio i sardi tentano di sorprendere l’ Entella e di impedirgli di costruire gioco adottanto tuttavia una tattica come detto dispendiosa un po come accadde a Gozzano nella prima giornata Gran primo tempo di corse e di raddoppi ripresa in calando incapaci di ripartire anche una volta incassato il gol dello svantaggio. L’ Entella ha tenuto una condotta di gara matura, attendista quanto basta avendo, come unica colpa, la mancanza di un po di cinismo sottorete visto che nel primo tempo cosi come nella ripresa le occasioni non sono mai mancate, è mancato piuttosto un pizzico di cattiveria in più nei pressi della porta ottimamente difesa da Pini. Diaw, Di Paola e Adorjan sprecano altrettante occasioni nitide nel corso del primo tempo.

La ripresa si apre con un Entella aggressiva determinata a scardinare la difesa ospite. Il gol decisivo arriva al termine di un azione caparbia finita in angolo. Dalla bandierina DI Paola mette sul secondo palo dove si fa sentire l’ esperienza e la concretezza di Pellizzer che infila di testa. È il gol della liberazione, Da li in avanti i biancocelesti aggrediscono gli isolani in ogni parte del campo nel tentativo di chiudere definitivamente la contesa. Diaw e Mota Carvalho mancano due buone occasioni. Boscaglia ricorre ai cambi e l’ Entella trova nuova linfa, il finale dei biancocelesti è impressionante per determinazione, concentrazione e condizione fisica. I nuovi entrati sembrano avere un altro passo e scorazzano per tutto il campo raddoppiando marcature e rendendo impossibile la reazione dei sardi che dal canto loro non hanno grandi benefici dai cambi decisi da Giorico.

L’ Entella non riesce a chiuderla ma neppure soffre per gli attacchi degli ospiti che si spengono sul nascere. Arriva il triplice fischio e vanno in archivio altri 3 punti. Da domani si guarda al prossimo impegno : la trasferta di Pontedera che proprio nel pomeriggio di oggi ha visto il rinvio a Lunedi sera accettato sportivamente dalla società toscana in virtù degli impegni ravvicinati programmati. Sarà un altra trasferta insidiosa contro una squadra che ha il peggiore attacco del Campionato ma che ha saputo fermare squadroni come Siena, Pro Vercelli e Carrarese. La strada tracciata è quella giusta come ha detto mister Boscaglia ora dobbiamo solo guardare al futuro cercando di dimostrare sul campo le qualità attribuite un po da tutti.