Home Politica Politica Genova

Elisoccorso in Liguria, Ardenti: i conti dell’ex assessore al Bilancio di Burlando non tornano

0
CONDIVIDI
Elisoccorso Vigili del Fuoco (foto di repertorio)

“Il consigliere regionale del Pd Pippo Rossetti non la racconta giusta. Regione Liguria sarà infatti l’unica in Italia a mantenere la convenzione con i Vigili del Fuoco”.

Lo ha dichiarato il vice capogruppo regionale Paolo Ardenti (Lega) replicando al collega del Pd che oggi insieme al capogruppo Giovanni Lunardon ha attaccato la maggioranza e la giunta Toti sul nuovo servizio di elisoccorso in Liguria.

Elisoccorso in Liguria, Rossetti: costi eccessivi per nuovo servizio dei privati

“Avremo – ha spiegato Ardenti – due basi per l’elisoccorso (Genova e Albenga). Ora ne abbiamo solo una (Genova).

Avremo elicotteri che trasporteranno pazienti in pericolo di vita nelle ore notturne. Ora non li abbiamo, poiché non abilitati al volo notturno.

Avremo due gruppi di elicotteristi, uno dei Vigili del Fuoco e uno di professionisti formati specificamente per l’emergenza sanitaria, pronti a salvare sul posto la vita dei liguri. Ora abbiamo solo i nostri Vigili del Fuoco, che non finiremo mai di ringraziare.

Nella nostra regione l’elicottero dei VVF sarà quindi impiegato in casi particolari per cui è necessaria la loro esclusiva professionalità di ‘Search and Rescue’ ovvero per le situazioni di pericolo in luoghi di intervento complessi. Allo stesso tempo, potremo utilizzare un prezioso, secondo elicottero nei casi in cui si richiedono altre professionalità (come il trasporto di pazienti da un ospedale all’altro).

Pertanto, a differenza di quanto sostiene il consigliere disfattista del Pd, aumenterà senz’altro la velocità e la possibilità di intervento su tutta la Liguria (in particolare nel Ponente che per anni è rimasto scoperto) per i casi ‘tempo-dipendenti’ quali, tra gli altri, infarti o ictus cerebrali.

In sostanza, i liguri non dovranno più subìre pericolosi disagi e chiedere aiuto ad altre regioni quando l’elicottero dei VVF sarà già impegnato in un altro intervento. Semmai, potrà essere la Liguria ad accorrere in aiuto di altre regioni.

Certo, tutto questo avrà anche un costo maggiore, ma perché nettamente maggiore sarà il beneficio dei servizi offerti ai liguri grazie al nuovo sistema di elisoccorso.

Invito il consigliere disfattista del Pd a leggere bene i documenti e a far meglio i calcoli. Perché pur avendo ricoperto il ruolo di assessore regionale al Bilancio della disastrosa giunta Burlando, i suoi conti al momento non tornano (se i suoi conti effettivamente non tornassero allora si troverebbero risposte a tante domande sulla gestione politica del centrosinistra in Regione). In materia di sanità, credo che i liguri vogliano che i loro soldi siano spesi in modo proficuo nell’interesse della cittadinanza”.