Home Cronaca Cronaca Savona

Due lutti per la Diocesi di Albenga-Imperia

Si tratta di un sacerdote, Don Pietro Castellani e di un Diacono permanente, Tonino Barbera. Erano due figure molto amate nel comprensorio ingauno

0
CONDIVIDI
La cattedrale di San Michele ad Albenga

ALBENGA – La Diocesi di Albenga – Imperia in pochi giorni ha perso due figure molto importanti: un sacerdote, Don Pietro Castellani ed un Diacono permanente, Tonino Barbera. Don Pietro era nato a Cà D’Andrea (Cremona), il 13 febbraio 1943, figlio di Luigi e Carolina La Magni. Venne ordinato sacerdote il 26 giugno 1972, nella Prelatura di Tocantinopolis (Brasile), dal vescovo suo conterraneo Monsignor Cornelio Chizzini.

Rientrato in Italia per ragioni di salute nell’anno prestò collaborazione pastorale presso la sua parrocchia di nascita e successivamente svolse servizio di Cappellano delle Forze Armate presso diverse caserme d’Italia.

Nella Diocesi di Albenga-Imperia è giunto nel 1995 ed ha esercitato gli incarichi di Cappellano dell’Ospedale Civile di Albenga; amministratore parrocchiale di Pogli d’Ortovero e successivamente di Ranzi di Pietra Ligure. Ritiratosi per raggiunti limiti di età a vita privata, a Loano, si è  messo a disposizione di diverse parrocchie ed alcune comunità religiose femminili per celebrare la S. Eucaristia ed esercitare il ministero di confessore. Dal 2021 si era trasferito a Brescia, presso una casa di riposo vicina alla residenza di una sua nipote, dove è deceduto nella notte del 15 gennaio.

Il Diacono Antonio (Tonino) Barbera è mancato dopo una breve malattia per complicazioni polmonari, all’Ospedale di Albenga lo scorso 11 gennaio. Era nato ad Alassio il 12 dicembre 1928. Sposatosi nel 1956, era rimasto vedovo precocemente e con prole in giovane età. Si risposò nel 1966. Imprenditore nel settore automobilistico, aveva svolto anche ruoli di amministratore comunale a Castelvecchio di Rocca Barbena. Sin da giovane si impegnò e collaborò assiduamente ad Albenga con l’Opera Sacro Cuore per la quale aveva speso la propria vita di sacerdote ed educatore lo zio paterno, don Umberto Barbera (1883-1946). Tonino è stato anche un valido collaboratore della Parrocchia Cattedrale di San Michele, sia nell’ambito giovanile, che caritatevole. Quando, nell’anno 1992, la diocesi di Albenga-Imperia avviò la formazione al Diaconato permanente, fu uno dei primi a rispondere alla chiamata, lui che aveva vissuto il “Cursillo” e desiderava dare sbocco concreto al suo impegno cristiano. Ottenne la Laurea Magistrale in Teologia presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Albenga, sotto la guida del caro amico sacerdote don Alessandro Sappa, fondatore dell’Istituto setsso. Tonino venne ordinato diacono permanente l’8 giugno 1996 dall’allora vescovo diocesano, Monsignor Mario Oliveri e venne assegnato a svolgere il ministero pastorale presso la sua Parrocchia, la Cattedrale di San Michele ad Albenga, dove si è sempre distinto per l’impegno nel volontariato, nelle visite degli ammalati alla Clinica Salus ed all’Istituto Trincheri, nelle visite domiciliari agli ammalati e nella benedizione delle famiglie. Negli ultimi quattro anni, per l’avanzare dell’età, aveva cessato ogni impegno pratico. La Messa esequiale è stata celebrata ad Albenga da Monsignor Guglielmo Borghetti, vescovo di Albenga-Imperia, nella Cattedrale di San Michele Arcangelo.

CLAUDIO ALMANZI