Home Consumatori Consumatori Italia

Come riposare di notte quando fa molto caldo

0
CONDIVIDI
Come riposare di notte quando fa molto caldo

Quando arriva la bella stagione e soprattutto l’estate, nasce il problema di del caldo notturno, il nemico numero uno del riposo. Come fare allora a dormire qualche ora, per non rimanere come uno zombie tutto il giorno? Vi diamo qualche consiglio!

I trucchi per riposare

Quando il termometro segna oltre i 30°, la notte diventa impossibile riuscire a riposare, se non addirittura prendere sonno. Se infatti l’inverno possiamo godere delle coperte che conciliano la nanna, d’estate diventano il maggior nemico.

Se non solo sapete che il condizionatore acceso tutta la notte potrebbe farvi male, ma non volete ritrovarvi con una brutta sorpresa in bolletta, andrete alla ricerca di qualche soluzione “più economica”, che vi aiuti a dormire bene anche davanti a temperature desertiche.

La doccia…ma calda!

Credete che stiamo scherzando? Assolutamente no! Al contrario di quello che si possa pensare, infatti, per rinfrescare il corpo prima di andare a dormire è necessario fare una doccia almeno tiepida o un bagno caldo.

Fare una doccia fredda, infatti, può anzi innalzare la temperatura corporea, che cercherebbe in questo modo di contrastare proprio il freddo del liquido.

Bere tanta acqua

Mantenere costante l’idratazione corporea è di fondamentale importanza, in quanto in questo modo si va a diminuire la sensazione di calore. Per questo motivo è bene bere durante l’arco della giornata, non solo la sera o al mattino.

Vi consigliamo tuttavia di bere acqua a temperatura ambiente, in quanto quella molto fredda o addirittura gelata rallenta la digestione e il metabolismo, andando a costringere i vasi sanguigni e riducendo così proprio l’idratazione, quindi anche la capacità del corpo di rinfrescarsi.

Restare calmi

Può sembrare inutile e invece restare calmi e non agitarsi è un ottimo rimedio contro il caldo: prendiamo coscienza della situazione, quindi del fatto che fa caldo e che girandoci e rigirandoci nel letto non faremo altro che avere ancora più fastidio.

Se vogliamo avere un attimo di refrigerio, basterà bagnare i polsi o anche la parte interna delle braccia con acqua fredda per circa 30 secondi. In questo modo non vi sveglierete la mattina assonnata e stanca, ma potrete conciliare un buon sonno.

Elettrodomestici in camera? No, grazie!

Se avete in camera un mini frigo, un televisore o qualsiasi altro dispositivo che possa produrre calore, il nostro consiglio è quello di staccare la spina, così da mantenere l’ambiente più fresco.

Diventa invece un valido amico il freezer, che può aiutare a rinfrescare parti del letto, come il cuscino e le lenzuola: basterà inserirli all’interno di sacchetti e poi metterli al suo interno. Dopo un quarto d’ora saranno pronti, ma attenzione a non bagnarli con acqua, in quanto dormire su un cuscino o delle lenzuola intrise non fa bene al corpo, meno che mai alla zona cervicale.

No al condizionatore o al ventilatore

Questo è uno step fondamentale per garantire una notte fresca: la stanza deve essere rinfrescata, per cui potrete usare il condizionatore o il ventilatore, ma non dovrete lasciarli accesi mentre dormite.

In questo modo non solo non saremo disturbati dal rumore degli elettrodomestici, ma non rischieremo colpi di frusta al mattino.

Bere un infuso fresco

Anche se siete abituati durante l’inverno a bere il tè e gli infusi in acqua calda, sappiate che ce ne sono alcuni che si preparano in acqua fredda. Scegliete soprattutto quelli di passiflora, di lavanda o di camomilla, che conciliano anche il sonno e rilassano prima di andare a letto.

Mangiare poco a cena

Un altro aspetto molto importante è quello di cenare con cibi leggeri e molto digeribili, come l’insalata, la verdura, la frutta e tutto ciò che non ci farà avere un peso sullo stomaco. In questo modo infatti aiuteremo il nostro organismo a digerire con meno difficoltà e quindi a produrre meno calore.

Niente caffè o eccitanti

Non bevete caffè o infusi a base di teina a partire dal tardo pomeriggio, in quanto si tratta di sostanze altamente eccitanti, che contribuiscono a non farvi prendere sonno. Molto meglio una tisana, una buona camomilla o un po’ di valeriana per aiutarvi a cadere nelle braccia di Morfeo.

Il letto giusto

Naturalmente sarà opportuno preparare il giaciglio nel modo migliore, se si vuole riposare alla perfezione: meglio prediligere il lato fresco del materasso, mentre, se non avete un modello del genere, potrete tenere di riserva un modello refrigerante, con uno speciale strato che si raffredda proprio per assicurarvi un buon riposo.