Home Politica Politica Mondo

Boris Johnson dimesso dall’ospedale: non sapevo se mi sarei salvato

0
CONDIVIDI
Boris Johnson dimesso dall’ospedale

Supera soglia 10.000 il numero di morti in Gran Bretagna

Il premier britannico Boris Johnson è stato dimesso dall’ospedale, dove domenica scorsa era stato ricoverato per il coronavirus. A renderlo noto è stato Downing Street.

Nel mentre la Gran Bretagna ha superato la soglia dei 10.000 morti con coronavirus.

Secondo le autorità sanitarie i deceduti nelle ultime 24 ore sono stati infatti 737, con il totale salito a 10.612.

Boris Johnson, parla via Twitter ammettendo che ci sono stati giorni in cui non sapeva se si sarebbe salvato.

Poi ha ringraziato due infermieri, una neozelandese di nome Jenny e un portoghese di nome Luis, che, ha detto, “sono rimasti accanto al mio letto per 48 ore durante le quali le cose sarebbero potute andare in un modo o nell’altro”.

Il primo ministro britannico ha, poi,  ringraziato in un messaggio lo staff sanitario del St. Thomas Hospital, dove è stato ricoverato

“Batteremo il coronavirus, e lo batteremo insieme” ha, infine,  affermato in un video diffuso dopo le dimissioni dall’ospedale.

Johnson resta attualmente in convalescenza e non tornerà immediatamente al lavoro, ha spiegato un portavoce, annunciando che Johnson continuerà la convalescenza a Chequers, la residenza di campagna riservata ai capi di governo britannici.