Home Cultura Cultura Genova

Biblioteca Società Economica, leggere facile, leggere tutti

0
CONDIVIDI

La Biblioteca della Società Economica ha aderito al progetto: “Leggere Facile, Leggere Tutti” della Biblioteca Italiana per Ipovedenti BII ONLUS

Il Ministero dei Beni Culturali e il Centro per il Libro e la Lettura (CEPELL) finanziano il programma.  «Se il libro ha una valenza per la crescita spirituale dell’individuo, ciò deve valere per tutti – sottolinea Enrico Rovegno, responsabile della biblioteca – La lettura deve essere un piacere, l’accesso all’istruzione, alla conoscenza e alla cultura un diritto».

La Biblioteca della Società Economica, ha preparato una sezione con testi per persone ipovedenti, con minorazioni visive o per persone anziane affette da disturbi della vista legati all’età. Questi soggetti fragili potranno leggere in completa autonomia (ma anche con font atti a facilitare la lettura a persone affette da dislessia medio-lieve e in formato audio per persone non vedenti). I libri sono stati donati dalla BII Onlus con l’obiettivo di facilitare e l’accesso alla cultura alla categoria di individui sempre più ampia. I testi presentano caratteri ingranditi, interlinea aumentata, carta avorio e spessa per ridurre i riflessi.

«Abbiamo ricevuto la proposta di aderire a questo progetto dalla Biblioteca Italiana per Ipovedenti BII ONLUS –  spiega Rovegno  –   mi è subito sembrato opportuno dare parere positivo, riconoscendo l’importanza socio-culturale, perché l’iniziativa, coincideva con una nostra volontà. Come sempre accade, difficilmente le necessità delle minoranze trovano adeguata risposta e aprire questa piccola sezione, che per altro vorrei incrementare, mi è parso utile per un servizio pubblico come il nostro.

E’ (si licet parva…) lo stesso motivo per cui stiamo lavorando con impegno affinché ci si doti di un ascensore, eliminando una barriera che costituisce una vera ingiustizia sociale, aggravatasi a seguito della chiusura del passaggio che poteva essere utilizzato per collegare l’archivio e l’ascensore di via Ravaschieri 19 alla biblioteca». ABov