Home Spettacolo Spettacolo Italia

Berlino, le barriere non sono mai insormontabili

0
CONDIVIDI
Berlino, le barriere non sono mai insormontabili

Da oggi, è online il video di “BERLINO EST” singolo d’esordio di FRANCESCO SACCO, eclettico cantautore milanese

Nonostante la giovane età, da anni lavora come compositore nella produzione di musica per marchi di alta moda e spettacoli teatrali.

“BERLINO EST”, archetipo di un Occidente che separa gli affetti con una barriera fisica, racconta non solo di muri, anche quelli invisibili fra le persone, ma anche del desiderio di abbatterli ad ogni costo.

Il videoclip del singolo nasce dalla volontà di Francesco e del regista Mattia Fazzari di riprodurre lo scenario della Berlino divisa, cambiandone tutti gli elementi caratteristici, specie compresa: la capitale tedesca diventa il verde del Parco delle Basiliche di una Milano estiva e, proprio come in questi giorni, deserta e il suo insolito “muro” la rete che delimita l’area cani.

«Ho scritto il soggetto per il videoclip di Berlino Est a metà agosto: Milano era deserta proprio come in questi giorni, silenziosa, desolata, i negozi e bar chiusi. In un contesto così è facile farsi prendere dalla noia e dalla malinconia, così ho iniziato a concentrarmi su quelli che erano i luoghi più popolati della città: le aree cani. – racconta il cantautore – I cani, ignari del caldo torrido, si incontravano quotidianamente per giocare, accoppiarsi, litigare e farsi compagnia, non diversamente dagli esseri umani. Così ho iniziato a immaginare una vicenda ambientata nella Berlino divisa “adattata” per una società canina, in cui la rete dell’area cani divide due amici, o magari due innamorati».

 

I cani, protagonisti del video, vengono umanizzati: dapprima ignari l’uno dell’esistenza dell’altro, stabiliscono presto una relazione e desiderano incontrarsi, rendendosi però conto della barriera che li divide, costringendoli a vite contigue ma separate. Il video dimostra che, nonostante tutto, esiste il lieto fine. I due eroici protagonisti, spinti dal desiderio di incontro, dimostrano che le barriere fra le persone possono essere interiori, invisibili o dettate delle circostanze, ma mai insormontabili.

Francesco Sacco si appassiona alla musica fin da bambino, studia musica classica, poi si innamora del blues, del rock anni ’70 e del cantautorato. Negli anni dell’università a Milano inizia a collaborare, come redattore, con varie riviste di critica musicale, incontra il mondo del teatro e della danza contemporanea grazie a Susanna Beltrami e firma colonne sonore e direzioni musicali per decine di spettacoli, come le performance diCult Of Magic che ha portato in giro in tutta Italia insieme a sua moglie Giada. Allo stesso tempo Francescostudia i software musicali e il sound design, collabora con vari brand di moda e design, tra cui Marni e Marco Rambaldi e produce dischi per altri artisti.