Home Politica Politica Genova

Attentato incendiario anarchici, Piana e Senarega: campanello d’allarme da non sottovalutare

0
CONDIVIDI
Incendio nella rimessa della Polizia locale a Genova Marassi rivendicato dagli anarchici

Sull’attentato incendiario della scorsa notte a Genova, rivendicato dagli anarchici, oggi sono intervenuti il presidente del consiglio regionale Alessandro Piana e il capogruppo regionale Franco Senarega (Lega): “Campanello d’allarme da non sottovalutare, in Liguria aumentare Forze dell’ordine sul territorio”.

Marassi, attentato incendiario alla Polizia locale di Genova: rivendicato dagli anarchici

“Donne e uomini delle nostre Forze dell’ordine – hanno spiegato Piana e Senarega – non sono violenti. Anzi, troppo spesso, subiscono aggressioni e non sono liberi di difendersi in modo adeguato per il timore di venire accusati di eccessi.

Ancora una volta, a Genova abbiamo assistito a un gesto violento contro i tutori dell’ordine, che in questi giorni, peraltro, sono impegnati attivamente nei controlli del Centro storico.

Il vile attentato incendiario compiuto col favore del buio nella rimessa della Polizia locale a Marassi, rivendicato stamane dagli anarchici, rappresenta un ulteriore campanello d’allarme da non sottovalutare affatto.

Ringraziamo gli investigatori della Digos genovese che hanno subito avviato le indagini, ma ci attendiamo anche che dal ministero dell’Interno arrivi una pronta ed efficace risposta per aumentare, in Liguria, il numero del personale delle Forze dell’ordine adibito alla sicurezza sul territorio”.

Sul grave episodio sono intervenuti oggi anche i consiglieri comunali della Lega: “Esprimiamo solidarietà agli agenti del della Polizia locale che stamane hanno suìito un attentato incendiario.

Questo gesto, rivendicato dagli anarchici, dimostra ancora una volta come alcuni vili scelgano di agire col favore del buio invece di aprire un dialogo democratico.

Auspichiamo che gli investigatori della Digos riescano a individuare i colpevoli e che a essi vengano inflitte pene severe.

Chiediamo, inoltre, al ministro dell’Interno di intensificare la dotazione di pistole Taser a tutte le Forze dell’ordine attive sul territorio comunale”.