Home Spettacolo Spettacolo Genova

Alessandro Bianchi al Sipario Strappato

0
CONDIVIDI
The Speech-Alessandro Bianchi
The Speech-Alessandro Bianchi

Alessandro Bianchi al Sipario Strappato. Il comico genovese apre la stagione del teatro l’1 ottobre alle 21.

Alessandro Bianchi al Sipario Strappato di Arenzano.

“The Speech”: il nuovo spettacolo di Alessandro Bianchi.

Sabato 1 ottobre alle ore 21 al teatro Il Sipario Strappato di Arenzano (via Marconi 165) ad aprire la trentesima stagione sarà il comico Alessandro Bianchi – membro dei Pirati dei Caruggi – con “The Speech”.

“The Speech – Il Discorso” è un’apnea comica di sessanta minuti.

Un’esperienza liberatoria, in cui il pubblico partecipa attivamente al disagio di un politico straniero in balia del cinico umorismo del suo traduttore che cambia appositamente tutte le parole.

Ne verrà fuori un discorso inconsapevolmente esilarante.

Sara Damonte, direttore artistico del Sipario Strappato, dice:

“Iniziamo ridendo insieme ci piace l’idea di poter iniziare in allegria questa stagione così importante, che segna il nostro trentesimo anno di attività, con questo spettacolo comico scritto da Alessandro Bianchi e Paolo Serra”.

Nello spettacolo, lo spettatore è complice di un povero traduttore sottopagato e si vendicherà del cattivo burocrate che esegue gli ordini senza umanità.

Lesc Dubrov, presidente della Commissione lavoro ed etica dell’Unione Europea, durante il suo comizio perde inconsapevolmente il governo del suo pensiero e delle sue parole.

Il traduttore prende il controllo del discorso costringendo il politico a seguirlo in un crescendo surreale di situazioni comiche, umilianti e deliranti.

In un completo ribaltamento di ruoli il traduttore si trasforma da vittima in carnefice.

Lesc Dubrov è “la banalità del male”, un grigio burocrate fantozziano che esegue gli ordini che arrivano dall’alto.

Sulla scena affronta i problemi morali, politici e giuridici, legati alla sua carica e al suo ruolo di funzionario, con una gestualità e una mimica che rimandano a Chaplin, il re della slapstick comedy.

Dubrov è costretto in un percorso crudelmente comico a cantare, ballare e sostenere nel modo più convincente possibile l’evento pubblico che ricorderà come il più imbarazzante della sua vita.

Intuisce, ma non capisce, in totale cortocircuito cerca di restare a galla mentre la sua dignità viene messa a dura prova dal traduttore Achille, protagonista occulto che porta a compimento il suo progetto di vendetta grazie alla complicità del pubblico.

Il biglietto costa 12 euro, ridotto 10 euro. Sono disponibili abbonamenti a 5, 10 e 20 spettacoli.

Info e prenotazioni: 3396539121