Home Cultura Cultura Genova

Aiutare in inverno gli animali in difficoltà

0
CONDIVIDI
Aiutare in inverno gli animali in difficoltà
Aiutare in inverno gli animali in difficoltà

Aiutare in inverno gli animali in difficoltà, il generale Inverno si fa sentire con diverse perturbazioni in tutta Italia

Aiutare in inverno gli animali in difficoltà, ma sopratutto quando le temperature notturne calano sensibilmente andando in molte località sotto lo zero.

Anche quest’anno l’ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE AIDAA presenta un breve vademecum per aiutare concretamente gli animali in difficoltà che incontrerete lungo la vostra strada oppure che cercano di trovare albergo nel vostro giardino o sul vostro terrazzo.

1)Iniziamo dagli Uccellini che in questi giorni iniziano a faticare a procurarsi il cibo.

L’invito per tutti è di esporre piccole mangiatoie sui balconi (ne esistono in legno o possono essere realizzate in materiale di riciclo come ad esempio le bottiglie di plastica) contenenti piccoli pezzettini di grasso e carne avanzata, croste di formaggio,briciole di dolci, frutta fresca e secca e miscele di semi (consigliati e acquistabili già confezionati). EVITARE LE BRICIOLE DI PANE.

Occorre rifornire regolamente le mangiatoie senza riempirle fino all’orlo in quanto a causa del freddo nelle ore notturne parte del cibo potrebbe deteriorarsi. Ovviamente accorgimento molto importante, le mangiatoie vanno messe fuori dalla portata dei gatti.

E proprio dei gatti ora parliamo, nel caso in cui siate a conoscenza dell’esistenza di  coloniE feline o avete dei gatti randagi che gironzolano dalle parti di casa vostra che sono in cerca di cibo, ricordatevi di mettere a loro disposizione tre ciotole, una con del cibo secco, una con del cibo umido ed una con l’acqua.

Le ciotole mettetele in una zona riparata. I croccantini vanno sostituiti giorno per giorno in quanto con l’umidità rischiamo di deteriorarsi, stesso vale per la pappa umida che potrebbe anche congelare ed i mici potrebbero quindi mangiare del cibo deteriorato che a loro farebbe male.

Occorre quindi cambiare il cibo due volte al giorno e lasciare in luogo riparato anche la ciotola dell’acqua fresca per evitare rischi di congelamento. Se avete la cantina disponibile lasciate aperta la finestra cosi che i mici possano ripararsi nelle notti più fredde oppure fate delle vere e proprie cucce nel vostro condominio per far riparare i mici.

Diamo ora un occhiata ai consigli per i cani randagi, anche per loro valgono le regole per i gatti, mettete ciotole con cibo e con acqua in ambiente riparato, rifornire le ciotole quotidianamente in quanto a causa del greddo il cibo lasciato troppo a lungo è destinato a deteriorarsi.
Se invece vi capita di ospitare in casa vostra o nel vostro giardino animali selvatici come ghiri, scoiattoli, ma anche volpi e faine.

Noi vi consigliamo di chiedere informazioni direttamente al corpo. forestale dello stato chiamando il 1515 prima di prendere qualsivoglia iniziativa per favorirne l’alimentazione specialmente se si tratta di animali del bosco o di selvatici di grossa mole