Home Consumatori Consumatori Genova

Acli Liguria ha una donna come presidente regionale

0
CONDIVIDI
Acli Liguria ha una donna come presidente regionale

Si è riunito stamattina il nuovo Consiglio Regionale delle ACLI liguri che ha votato la fiducia e la carica di Presidente Regionale alla Dott.ssa Chiara Volpato

La presidente avrà pertanto il compito di dirigere l’associazione nei prossimi anni. Con lei “una squadra di governo” scelta, riprendendo le parole di Volpato “nella convinzione che sia pure in una società che oggi è più complessa, dove i tempi di lavoro si sono dilatati, dove i progetti di vita sono più difficili e sempre più individuali, ci sia ancora spazio per aggregare persone che decidono di dedicare parte del loro tempo, delle loro competenze e passioni a favore della propria comunità, per la costruzione di qualcosa di utile e di bello. E di farlo insieme, in gruppo, perché questo risponde all’esigenza di “senso” ed al bisogno di relazioni vere, significative”.

Ad affiancare Volpato nella conduzione dell’Associazione saranno: Jolanda Sandrone, con l’assegnazione della carica di vicepresidente vicaria, delega alla Progettazione, Servizio Civile e Coordinamento Donne; Andrea Bagnasco, vicepresidente, con delega ai rapporti con le Diocesi della Regione e all’Organizzazione eventi; Osvaldo Favale, vicepresidente, con delega ai rapporti con le Istituzioni; Marco Rovere con delega alla Vita Cristiana e alla  Comunicazione; Daniele Petrocca con delega allo Sviluppo Associativo e ai Giovani; Gino Sasso con delega all’Amministrazione; Luca Valente con delega all’Amministrazione.

La neo presidente davanti ai Consiglieri Regionali ha ribadito quanto espresso durante il Congresso Regionale dello scorso 10 ottobre:il nostro lavoro dovrà prioritariamente puntare a tre obiettivi, lavorare attraverso le relazioni politiche e sociali per attivare una presenza autorevole e fattiva sul territorio, rafforzare il dialogo e la cooperazione progettuale all’interno delle Acli e al loro esterno con le realtà associative e istituzionali regionali, radicare sempre di più nei principi evangelici e nel magistero della Chiesa la nostra azione.