Home Cronaca Cronaca Savona

Tragico crollo a Tovo San Giacomo, venerdì 12 febbraio i funerali di Superchi

0
CONDIVIDI
Il luogo del crollo e Maurizio Superchi

Saranno celebrati venerdì 12 febbraio 2021, alle ore 10, presso la chiesa della parrocchia di San Giacomo Maggiore, i funerali di Maurizio Superchi, il sessantaseienne di Tovo San Giacomo deceduto giovedì 6 febbraio a causa del crollo di una parte della casa attigua a quella di sua proprietà su cui erano in corso lavori di ristrutturazione, in via Caviglia.

La Procura di Savona, ha aperto un fascicolo per omicidio colposo, al momento contro ignoti e non ha ritenuto necessario disporre l’autopsia sulla salma della vittima che è stata travolta e schiacciata da tonnellate di detriti.

Crollo Tovo San Giacomo, vittima era committente dei lavori. Tre famiglie sfollate

A tale proposito, il figlio Alex, sconvolto dal dolore per la morte del padre, e che peraltro non era presente nel cantiere al momento della disgrazia, tiene a precisare su un equivoco di fondo di tutta la drammatica vicenda, relativo alla “figura” del papà, che non era l’impresario edile di quell’intervento, ma soltanto il committente.

Superchi, artigiano edile in pensione, aveva acquistato quella vecchia abitazione per ricavarvi alcuni appartamenti e aveva commissionato il progetto, che aveva superato tutto l’iter e ottenuto il permesso di costruire rilasciato del Comune, e si era affidato ad un’impresa per la realizzazione dei lavori.

Si tratta di una ditta che nulla aveva a che fare con l’attività del figlio, che pure lavora nel settore.

Giovedì il sessantaseienne non si era recato nel cantiere per lavorarci ma soltanto per controllare come procedessero i lavori e, purtroppo, ha avuto la sventura di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Saranno in tanti, venerdì 12 febbraio, a dare l’ultimo saluto a Maurizio Superchi e a stringersi attorno ai suoi cari, affranti.

La tragedia, infatti, avrebbe colpito profondamente tutta la comunità, dove l’uomo era conosciuto.

Anche il sindaco, Alessandro Oddo, nell’esprimere fin da subito il suo cordoglio ai congiunti, ha avuto parole di stima per il pensionato, un gran lavoratore con le passioni per il ciclismo e la pittura, oltre che per la sua famiglia.