Home Cultura Cultura Genova

Terzo incontro degli Amici dell’Acquario

0
CONDIVIDI
Amici dell’Acquario
Bioeconomia - natura e soldi

Mercoledì 23 febbraio 2022 nuovo appuntamento con le conferenze degli Amici dell’Acquario: “Bioeconomia e sbilancio di anidride carbonica” è il tema della conferenza che sarà tenuta dal prof. Luca Banfi, Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale, Università di Genova.

La conferenza si svolge in presenza, alle ore 17 presso l’Auditorium dell’Acquario, ed è visibile successivamente sul canale YouTube dell’Associazione o direttamente sul sito www.amiciacquario.ge.it.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili e secondo le modalità previste dalle ultime disposizioni ministeriali.

Negli ultimi 100 anni l’anidride carbonica emessa per cause antropiche è stata costantemente maggiore di quella assorbita dal pianeta. Ciò ha generato uno sbilancio che ha portato la percentuale di CO2 nell’atmosfera a valori mai toccati negli ultimi 800.000 anni. Il riscaldamento globale è solo una delle conseguenze di questo sbilancio, che potrebbe avere un impatto imprevedibile sugli ecosistemi terrestri e marini.

All’incontro si parlerà dei gas serra, spiegando la correlazione tra sbilancio della CO2 e riscaldamento globale, dimostrando che lo sbilancio è di origine antropica e si discuterà le non facili problematiche scientifiche, tecnologiche, ambientali, sociali e politiche che devono essere superate per poter risolvere il problema.

La chiacchierata fornirà alcuni dati per dimostrare come l’impatto delle soluzioni finora adottate, pur essendo valide e meritorie, sia sopravvalutato e che occorra un deciso cambio di marcia.

Si approfondiranno in particolare le varie tipologie di energia rinnovabile, valutando pro e contro per ciascuna di esse.

Verrà anche introdotto il concetto di bioeconomia, ovvero un’economia che usa risorse biologiche dalla terra e dal mare, oppure rifiuti, come materie prime per: alimentazione, mangimi, concime, produzione di energia e di prodotti industriali.

Bisogna andare verso un progressivo cambiamento della filiera produttiva dei prodotti chimici, che dovrà sempre più prescindere dal petrolio e dai combustibili fossili, partendo da sostanze di origine biologica e quindi intrinsecamente rinnovabili.

L’intento dell’incontro è anche quello di fare capire che non esistono mai soluzioni senza effetti collaterali e che pertanto è necessario affrontare le scelte politiche con un’ottica scientifica del rapporto costi/benefici, senza pretendere che le soluzioni siano a costo zero.

Luca Banfi si è laureato in Chimica presso l’Università degli Studi di Milano. È docente nel settore della Chimica Organica presso l’Università degli Studi di Genova. Ha ricevuto due prestigiosi premi da parte della Divisione di Chimica Organica della Società Chimica Italiana: la medaglia Ciamician (1992) e la medaglia Mangini (2017). È autore di circa 200 pubblicazioni scientifiche e diversi brevetti. I suoi interessi scientifici sono nella chimica organica di sintesi, anche con mezzi biotecnologici e con particolare enfasi per le sintesi stereoselettive. Attualmente di occupa anche di chimica verde e bioeconomia circolare.

Per informazioni: tel. 010/2345.279-323, amici@costaedutainment.it