Home Cronaca Cronaca Genova

Spariscono 2300 chili di ottone da una ditta, arrestato romeno

0
CONDIVIDI
Spariscono 2300 chili di ottone da una ditta, arrestato rumeno

La polizia, dopo diversi furti di rottami in metallo, avvenuti nelle scorse settimane all’interno di una ditta di Lungobisagno Dalmazia, ha avviato un’indagine che ha portato al fermo di un 20enne romeno per ricettazione.

Domenica sera alcuni malviventi si sono introdotti, per la terza volta in un mese, all’interno del capannone e hanno rubato del materiale caricandolo su un furgone.

Seguendo gli spostamenti del mezzo, dotato di antifurto gps, gli investigatori del Commissariato San Fruttuoso, ieri mattina sono giunti presso un terreno invia Vezzani a Rivarolo, all’apparenza abbandonato ma recintato e chiuso da un lucchetto.

All’interno vi era il 20enne che alla vista dei poliziotti ha provato a darsi alla fuga, ma è stato subito intercettato.

Il giovane è stato trovato in possesso delle chiavi del terreno dove, sotto ad un telo enorme venivano rinvenuti di 2300 chili di ottone.

La refurtiva è stata poi riconsegnate al proprietario della ditta, insieme al furgone rubato.

Il romeno è stato rinchiuso nel carcere di Marassi.