Home Cronaca Cronaca Genova

Sette semafori T-Red in funzione a Genova: da oggi segnalati con la cartellonistica

0
CONDIVIDI
Genova Foce, cartello segnalazione semaforo T-Red

“È partito oggi il posizionamento, da parte di ASTer, della cartellonistica relativa ai T-RED, i semafori intelligenti che rilevano automaticamente le infrazioni al Codice della Strada. La segnaletica è stata progettata e prodotta dal Settore Segnaletica di ASTer. Sono 33 i cartelli che saranno collocati in prossimità dei 7 T-RED, lungo tutti i sensi di marcia”.

Lo hanno comunicato stasera i responsabili del Comune di Genova.

I semafori T-RED in funzione in città sono dislocati nei tratti Cantore/Fossato/Autostrada; Europa/Isonzo/Timavo; Torino/Tolemaide/Invrea; Hermada/Puccini/Albareto; Caprera/Cavallotti/Orsini; Gastaldi/Corridoni/Barrili; Aurelio Saffi/Questura.

Il posizionamento delle telecamere per il rilevamento dell’infrazione del passaggio con semaforo rosso è stata avviata l’anno scorso.

Il T-RED è abilitato a registrare una serie di fotogrammi nel caso di passaggio con semaforo rosso.

Tuttavia, se tale passaggio viene compiuto per consentire il transito di mezzi in emergenza visibili in tale registrazione, la sanzione non viene comminata.

Invece, per quanto riguarda il superamento della linea d’arresto, la contravvenzione viene elevata soltanto se il mezzo la supera completamente, oppure con entrambi gli assi.

“Lo scopo della nuova segnaletica – hanno spiegato l’assessore alla Polizia Locale Giorgio Viale e l’assessore alla mobilità Matteo Campora – è di avvisare gli utenti a prestare la massima attenzione ai T-RED, al fine di non essere multati.

Lo strumento sanzionatorio è un’extrema ratio. Proprio per questo, e per dare un’adeguata informazione ai cittadini, abbiamo deciso con ASTer di installare questa cartellonistica.

I semafori intelligenti sono uno degli strumenti che l’amministrazione comunale ha messo in campo per aumentare la sicurezza stradale sul territorio urbano.

La scelta dei punti in cui installare il sistema di controllo elettronico infatti è stata fatta sulla base del numero di incidenti registrati. Dunque, si è intervenuto dove è maggiore il rischio di sinistri gravi o gravissimi”.