Home Cronaca Cronaca La Spezia

Per i tanti spezzini in difficoltà la Croce Rossa lancia la Spesa sospesa

0
CONDIVIDI
Per i tanti spezzini in difficoltà la Croce Rossa lancia la Spesa sospesa

“Ciao, a casa non abbiamo più da mangiare, potete portarci la spesa? Però non abbiamo soldi per pagarvi…”. Sono queste le parole di una toccante telefonata che un bambino di 10 anni qualche giorno fa ha fatto agli operatori della Croce Rossa della Spezia.

Purtroppo non è stata l’unica di questo genere: sono numerose le chiamate che la CRI sta ricevendo in questi giorni da parte di persone che fanno letteralmente fatica a mettere insieme un pranzo o una cena per sé e per la propria famiglia.

Un’emergenza sociale a cui la Croce Rossa spezzina ha deciso di rispondere lanciando la “Spesa sospesa”, una raccolta straordinaria di generi alimentari che i Volontari CRI distribuiranno alle persone che durante questa emergenza coronavirus si trovano in condizione di bisogno.

Per i tanti spezzini in difficoltà la Croce Rossa lancia la Spesa sospesa

Chiunque voglia donare viveri e generi di prima necessità a chi è in difficoltà può contattare la Croce Rossa ai numeri 01871863280 o 3467830511, dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 19.00: saranno i volontari CRI a ritirare gli alimenti dai donatori, nel rispetto delle misure di sicurezza sul Covid-19.

La spesa donata dai cittadini verrà quindi conservata nel magazzino del centro di assistenza della Croce Rossa in via Bologna e subito consegnata alle persone indigenti che ne faranno richiesta.

Una catena di solidarietà tra cittadini e Croce Rossa che permetterà di aiutare tante persone che in questi giorni non hanno la possibilità di acquistare generi alimentari.

In parallelo prosegue il servizio di consegna gratuita a domicilio di spesa e farmaci, in collaborazione con l’amministrazione comunale, rivolto a persone anziane, o in condizioni di fragilità oppure in isolamento che non possono uscire dalla propria abitazione.

Per richiedere la consegna a domicilio basta contattare i numeri sopraindicati e prendere accordi con i volontari CRI.