Home Cronaca Cronaca Genova

Pasqua, Liguria vietata ai ‘foresti’: rafforzamento controlli e posti di blocco ovunque

0
CONDIVIDI
Rapallo, posto di blocco carabinieri (foto di repertorio fb)

Un piano straordinario di controllo di strade, caselli autostradali e stazioni ferrovie e di bus per scongiurare qualsiasi esodo in vista del prossimo weekend pasquale.

E’ quanto condiviso oggi pomeriggio nel corso di una riunione in videoconferenza tra il governatore Giovanni Toti, i prefetti della Liguria, sindaci dei quattro Comuni capoluogo, presidenti delle Province liguri e rappresentanti di Anci Liguria.

“Ci sara’ un dispiegamento straordinario di forze di Polizia per bloccare eventuali e sconsiderati arrivi da fuori regione – ha spiegato il governatore Giovanni Toti- ricordo anche che i sindaci possono chiudere determinate aree delle proprie citta’ per evitare ogni tentazione.

In base alle disposizioni nazionali, chiunque dovesse arrivare in Liguria è evidente che commetterà un illecito e dovrà non solo essere sanzionato per il suo comportamento ma anche fatto rientrare a casa, in ottemperanza a quanto previsto dal decreto Conte sull’emergenza coronavirus che vieta l’allontanamento dal proprio domicilio”.

I dettagli del piano saranno illustrati giovedi’.

I sindaci liguri hanno il supporto dell’ordinanza regionale, reiterata fino alla fine dell’emergenza, per poter chiudere e interdire completamente aree delle loro città, come arenili o passeggiate sul mare, che possano spingere le persone a uscire fuori casa e venire in Liguria.

“Ai sindaci potranno fornire supporto – ha aggiunto Toti – anche Protezione civile, Associazioni degli Alpini o dei Carabinieri, pur senza alcun potere sanzionatorio o ispettivo”.