Home Cronaca Cronaca Genova

Non rispettano regole anticontagio: due donne sanzionate, una denunciata

0
CONDIVIDI
Non rispettano le regole anticontagio: Due donne sanzionate, una denunciata
Controlli Polizia (foto di repertorio)

E’ successo giovedì pomeriggio in via Canevari e ieri sera in una pizzeria di via Ramiro Ginocchio a Sestri Ponente

Giovedì scorso, i poliziotti delle volanti hanno denunciato per l’inosservanza delle regole anticontagio una 35enne.

La donna, fermata per un controllo di routine in via Canevari mentre si trovava a bordo di un’auto con tre famigliari, tutti senza mascherina, è risultata essere sottoposta a restrizione sanitaria essendo stata riconosciuta positiva al Covid 19, con sintomi.

La stessa, interrogata sul motivo della sua trasgressione alla quarantena imposta, ha serenamente espresso il suo disaccordo.

Informata sul fatto che sarebbe stata denunciata, è stata invitata a portarsi nel minor tempo possibile presso la propria abitazione e a permanervi fino ad accertata guarigione.

Ieri sera, sempre una pattuglia, è intervenuta presso una pizzeria di via R. Ginocchio a Sestri Ponente dove era stata segnalata una giovane in preda ai fumi dell’alcol che molestava gli avventori.

Giunti sul posto gli agenti hanno appreso che la ragazza aveva avuto poco prima un alterco con un cliente al quale aveva sputato in faccia, andando poi su tutte le furie.

Trovandola ancora agitata, i poliziotti hanno cercato di calmarla invitandola anche ad indossare la mascherina, essendone sprovvista.

Lei, dopo aver dichiarato di essere guarita dal Covid da qualche giorno, ha lanciato un altro sputacchio dritto sul volto di uno di loro.

Anche sull’auto di servizio e nei locali della Questura, durante il fotosegnalmento, ha assunto un atteggiamento poco collaborativo continuando a sputare in faccia a chiunque fosse capitato sulla sua linea di tiro.

La giovane è stata denunciata per violenza privata, oltraggio a Pubblico Ufficiale e rifiuto d’indicazione sulla propria identità nonché sanzionata per ubriachezza e per l’inosservanza della normativa “anticovid”.