Home Cronaca Cronaca Italia

Mascherine e Green pass, cosa cambia dal 1° maggio

0
CONDIVIDI
Mascherine e green pass, cosa cambia dal 1 maggio
Mascherine e green pass, cosa cambia dal 1 maggio

Dal 1° maggio decade l’obbligo del Green pass per diverse attività. Prorogato al 15 giugno uso delle mascherine in alcuni ambiti. Green pass per accedere in Rsa e luoghi di degenze. Smart working

Il ministro della Salute Roberto Speranza nei giorni scorsi ha firmato un’ordinanza che riguarda la modifica dell’uso delle mascherine e dell’obbligo del Green pass.

Ma non solo. Tra qualche ora, dal 1° maggio, almeno per il momento, decade l’obbligo di avere il Green pass, la certificazione verde per fare diverse attività.

Stop mascherine e Green pass, Alisa: in Liguria incidenza Covid stabile

Nel mese scorso il Governo ha approvato un decreto-legge sul tema Covid con una sorta di roadmap per tornare in modo graduale a una situazione di normalità.

Mascherine e Green pass: alcune misure fino a fine anno

Alcune delle misure contenute in quel provvedimento resteranno in vigore fino alla fine dell’anno, ma molte altre sono in scadenza proprio oggi.

Per quanto riguarda l’uso delle mascherine ne abbiamo ampiamente parlano in questo articolo.

L’inizio di maggio segna anche una svolta anche per quanto riguarda la certificazione verde, il cosiddetto Green pass.

Mascherine e Green pass: la situazione dal 1 maggio

Dal primo di maggio basta richieste per le attività. Questo, però, non significa tuttavia che sparirà. Non verrà più richiesto e utilizzato, almeno per il momento.

Dal 1 maggio, chiunque potrà frequentare palestre e piscine, partecipare a feste, cerimonie e convegni, accedere a luoghi pubblici e privati. Andare al cinema, a teatro e al ristorante e utilizzare i mezzi a lunga percorrenza.

Mascherine e Green pass: l’accesso alle Usa o luoghi di degenza

L’unica eccezione riguarda l’accesso alle Rsa e degenze ospedaliere. È stato infatti già stabilito che fino a fine anno il Green Pass continuerà ad essere richiesto a chi fa visite a persone in queste strutture, hospice e reparti di degenza degli ospedali.

Fino al 31 dicembre 2022 resterà in vigore anche l’obbligo vaccinale per i sanitari, mentre scadrà il 15 giugno quello per le Forze dell’ordine, le Forze armate, il personale della scuola e dell’università e gli over 50.

Prorogato lo smart working

Prorogato fino al 31 agosto lo smart working anche in assenza degli accordi individuali per i lavoratori del settore privato.

Rispetto alla data del 30 giugno indicata nel decreto viene, così, allungato di altri due mesi.

Mascherine obbligatorie a scuola

Resta l’obbligo di mascherine, anche solo chirurgiche, fino alla fine dell’anno scolastico “fatta eccezione per i bambini sino a sei anni di età, per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso dei predetti dispositivi e per lo svolgimento delle attività sportive”.

Viaggi, decade il Passenger Locator Form

Decade il Passenger Locator Form, il modulo utilizzato dalle autorità sanitarie per i viaggi, per chiunque voglia entrare o partire per l’estero. Prorogate al 31 maggio le disposizioni per gli arrivi dai Paesi esteri, che prevedono il Green pass o un tampone rapido.