Home Politica Politica Genova

Liguria, presidente Piana: attività del consiglio regionale non si fermano

0
CONDIVIDI
Presidente consiglio regionale Alessandro Piana (Lega)
Presidente Piana: “Le attività dell’Assemblea legislativa della Liguria non si fermano”
Il presidente Alessandro Piana (Lega) in stretto contatto con i capigruppo sta organizzando le attività del consiglio regionale “in piena sicurezza”.
“I contatti – ha spiegato Piana – della presidenza del consiglio regionale con i capigruppo, volti ad individuare le forme più idonee per garantire le attività dell’Assemblea, proseguono ormai da giorni attraverso la ‘chat’ dedicata.
Come i consiglieri sanno, l’emergenza sanitaria impone l’adozione di strumenti tecnici adeguati per garantire la partecipazione “da remoto” alla prossima riunione dell’Ufficio di presidenza e della Conferenza dei capigruppo che, salvo problemi tecnici, si svolgerà lunedì.
In quella sede saranno definite le modalità per garantire la totale ripresa dei lavori consiliari.  In quanto presidente, ho infatti la responsabilità di tutelare non solo l’esercizio delle funzioni dell’Assemblea, ma anche la salute dei colleghi consiglieri e di tutto il personale”.

Il presidente Piana ha quindi sottolineato che le funzioni di sindacato ispettivo, proprie dei consiglieri, non hanno subìto nessuna interruzione: “Le attività dell’Assemblea non si fermano. Ho già dato a suo tempo disposizione affinché sia fornita risposta scritta a tutte le interrogazioni e interpellanze finora presentate. Vanno risolti, invece, problemi di natura squisitamente tecnica, legati anche alle dotazioni informatiche di alcuni componenti dell’Assemblea, per organizzare le sedute votanti.

Spiace che la ricerca di visibilità, forse legata al clima pre-elettorale, spinga alcuni colleghi a sollevare questioni che, come peraltro loro stessi sanno bene, sono già all’attenzione della presidenza.
A questo proposito invito quei consiglieri che possono godere di maggior ascolto presso i partiti della coalizione di governo a farsi interpreti presso i competenti ministeri della necessità di chiarezza e tempestività sulle decisioni che saranno assunte proprio in merito ai prossimi appuntamenti elettorali”.