Home Politica Politica Genova

Liguri danneggiati, Sansa e Crucioli: class action da 1.5 miliardi contro Autostrade

0
CONDIVIDI
Sansa e Crucioli (immagine di repertorio fb)

La richiesta di una “class action” da 1,5 miliardi di euro contro Autostrade per l’Italia “per risarcire i liguri del danno d’immagine, economico e sociale subito a causa del crollo del Ponte Morandi e dei conseguenti cantieri infiniti” è stata firmata ieri dal capogruppo regionale Ferruccio Sansa nello studio legale dell’avvocato e senatore di L’alternativa c’è Mattia Crucioli (ex M5S), che instaurerà l’azione legale “nel corso dei prossimi mesi presso il Tribunale di Roma, dove Aspi ha la sede legale”.

Class action di Sansa contro Aspi, Cambiamo con Toti: strampalata e velleitaria

“È la ‘class action più importante – ha dichiarato Sansa invitando i rappresentanti di Regione Liguria, i sindaci e i gruppi politici ad aderire all’iniziativa – nella storia del nostro Paese.

Mille euro per ogni ligure è il danno presunto.

Ogni abitante della Liguria potrà aderire gratuitamente all’azione collettiva firmando sul sito classactionautostrade.org.

I liguri contro Autostrade: saremo i primi in Italia.

Possiamo segnare la strada, non soltanto nel nostro Paese, per tutelare i singoli cittadini che subiscono danni immensi a causa del comportamento di grandi imprese apparentemente inattaccabili”.

“L’idea di fondo – ha aggiunto Crucioli – è che Aspi non abbia fatto le manutenzioni che doveva fare in Liguria e che da ciò siano discesi i danni per tutti i liguri a causa dei disagi e dell’isolamento.

Da qui l’idea di fare una ‘class action’ a vantaggio di tutti i liguri, alla quale potranno aderire senza costi e senza rischi tutti i residenti in Regione Liguria”.