Home Cronaca Cronaca Italia

Le regole valide le Aree Rosse e quelle Arancioni

0
CONDIVIDI
Le restrizioni in Italia per il periodo natalizio

La Zona Rossa ha una validità di 10 giorni: dal 24 al 27 dicembre; dal 31 dicembre al 3 gennaio; il 5 e il 6 (l’Epifania).

La Zona Arancione è valida: il 28-29-30 dicembre e il 4 gennaio.

Ecco le regole valide per le Aree rosse ed arancione.

Le regole delle Aree Rosse ed Arancioni

In Area Rossa

È vietato ogni spostamento, anche all’intero del proprio Comune, in qualsiasi orario, salvo che per motivi di lavoro, necessità e salute. Vietati gli spostamenti da una Regione all’altra e da un Comune all’altro.

Chiusura di bar e ristoranti, 7 giorni su 7. L’asporto è consentito fino alle ore 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.

Chiusura dei negozi, fatta eccezione per supermercati, beni alimentari e di prima necessità.

Restano aperte edicole e tabaccherie e le attività relative ai servizi alla persona: lavanderie, parrucchieri e barbieri. Chiusi i centri estetici.

Didattica a distanza per la scuola secondaria di secondo grado, per le classi di seconda e terza media. Restano aperte, solo le scuole dell’infanzia, le scuole elementari e la prima media.

Sono sospese tutte le competizioni sportive. E’ consentito svolgere attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva solo all’aperto in forma individuale.

Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema, centri sportivi.

In Area Arancione

Vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute.

Vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro, salvo comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità. Raccomandazione di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all’interno del proprio Comune.

Chiusura di bar e ristoranti, 7 giomi su 7. L’asporto è consentito fino alle ore 22. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.

Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (sabato e domenica) ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, supermercati, tabaccherie ed edicole al loro interno.

Chiusura di musei e mostre.

Didattica a distanza per le scuole superiori di secondo grado, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori; didattica in presenza per scuole dell’infanzia, scuole elementari e scuole medie.

Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico.

Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema, centri sportivi.

Ecco le nuove restrizioni per il periodo natalizio spiegate bene