Home Consumatori Consumatori Genova

Le feste al Bristol Palace Hotel

0
CONDIVIDI
Le feste al Bristol Palace Hotel
Le feste al Bristol Palace Hotel

Le feste al Bristol Palace Hotel. Natale e Capodanno nel cuore antico della città di Genova fra tradizione e divertimento.

Le feste al Bristol Palace Hotel per un Natale indimenticabile.

Trascorrere il Natale o un Capodanno al Bristol Palace Hotel, elegante palazzo liberty nel cuore antico di Genova, diventa un’esperienza memorabile, che unisce il profumo del mare, le luci che scintillano sulla costa, i sapori della cucina locale.

L’hotel ha in serbo dei menù speciali, che comprendono il tradizionale pranzo di Natale e il cenone di Capodanno, per le famiglie e gli amici, e delle proposte – cene servite a tema – per gruppi e team aziendali.

Il 25 dicembre, a pranzo, si assaporano le ricette realizzate con creatività e passione a partire dalle migliori materie prime.

Dopo il benvenuto con un flûte con spumante millesimato ed amuse bouche dello Chef, ecco apparire i più gustosi piatti della tradizione locale:

il cappon magro, a base di pesce e verdure, i cannelloni al forno ripieni di ricotta e spinaci con fondutina al San Ste’, ovvero il formaggio di Santo Stefano d’Aveto, nell’entroterra, il risotto carnaroli “gran riserva” al Barolo con dadolata di pere martin sec, la tacchinella ripiena al forno, con patate al rosmarino e salsa ai frutti di bosco.

Come dessert c’è la “panera”, il tipico semifreddo alternativo al gelato, inventato a Genova nell’Ottocento, proposte con brownie al cioccolato fondente, oltre al Pandolce di Genova e al Pandoro di Verona.

Nei calici, i bianchi e i rossi doc della selezione Duetorrihotels.

A Capodanno ci si lascia alle spalle il 2021 con un ricco menù

Una festa per gli occhi e per il palato, anche grazie ad accostamenti interessanti.

Dopo un brindisi di benvenuto con il Prosecco di Valdobbiadene Doc “Bortolomiol” si assaporano ricette di mare e di terra, come il gamberone lardellato e i petali di culatello di Zibello.

Tra i piatti principali, i ravioli di mare con bisque di crostacei, gamberi e zest di limone, il risotto Carnaroli “gran riserva” con la zucca mantovana e granella di nocciola, il filetto di salmone in panure, con insalata di agrumi e maionese alle mandorle.

Dopo un rigenerante sorbetto al chinotto di Savona, ecco comparire in tavola il brasato di manzo cotto a bassa temperatura, profumato al Barolo, accompagnato da patate Duchessa.

I dolci sono ben rappresentati dal semifreddo al frutto della passione, meringhe e gocce di cioccolato, oltre che dal Pandoro di Verona e dal Pandolce Genovese.

In tavola, durante la cena, si servono il Vermentino Colli di Luni “Lunae” Etichetta Nera di Luca Bosoni e il Barbera d’Asti “Fiulot” Prunotto.

A mezzanotte, con il brindisi all’anno nuovo, il gran finale, cotechino e lenticchie, i tipici piatti benaugurali.

Il Natale con i colleghi

Un saluto tra colleghi e partner di lavoro per celebrare un anno di sfide professionali: al piano nobile dell’hotel, nella sala in stile liberty, è possibile organizzare una cena servita a tema natalizio.

In serbo una serie proposte.

Il menu Rossini include, ad esempio, gli strigoli trafilati al bronzo al ragù di polpo, crumble di bottarga e il turbante di branzino ai frutti liguri, il menu Vivaldi ha tra i piatti caratterizzanti il risotto carnaroli “Gran riserva” alla zucca mantovana, Taleggio e dadolata di pere martin sec al Barbera e la fesa di vitello al forno glassata agli agrumi su crema di topinambur.

Mentre il menu Paganini è all’insegna dei piatti di terra, con ravioli del plin accompagnati da crema al blu di capra, pere e noci e filetto di maialino cotto a bassa temperatura, così come il menu Verdi, con risotto Carnaroli “Gran Riserva” al Nebbiolo e tacchinella ripiena al forno.

Il menu Puccini è molto legato al territorio e propone, tra le altre cose, il classico cappon magro alla ligure, ravioli di baccalà e ombrina Boccadoro, e infine il menu Bellini offre una serie di specialità, tra cui il crudo di gamberi rossi di Mazara e il pescato del giorno in crosta di mandorle.