Home Cultura Cultura Genova

La genovese Francesca Sivori al Premio Alda Merini

0
CONDIVIDI
La genovese Francesca Sivori al Premio Alda Merini

Una genovese sbaraglia i concorsi letterari con il suo 1° libro. Francesca Sivori con lo pseudonimo di Liz Chester Brown vince la menzione speciale al Premio Nazionale di Poesia e Narrativa Alda Merini.

‘Io sono una famiglia – il gabbiano’ di Francesca Sivori in pochi mesi vince la menzione speciale al Premio Nazionale di Poesia e Narrativa Alda Merini; arriva in finale al Premio Letterario Nazionale Bukowski di Viareggio; riceve un giudizio positivo dal Comitato di Lettura del Premio Calvino.

Sotto lo pseudonimo di Liz Chester Brown, Francesca Sivori, autopubblica il libro, lo distribuisce nelle librerie di mezza Italia, partecipa ai Concorsi letterari e si piazza subito ai primi posti, pur non avendo una casa editrice alle spalle.

Sullo sfondo di una Liguria arroccata tra cielo e mare, il libro racconta le vicende di Arianna, dall’infanzia all’età matura. Un dramma familiare moderno che, con la leggerezza di un battito d’ali, non volge mai in tragedia grazie all’incrollabile forza dell’amore. La protagonista, nata e cresciuta senza l’amore materno, riuscirà infatti a uscire dal suo labirinto tirando fuori tutta l’energia positiva e costruttiva trasmessale dal padre e tenuta soffocata dalla malattia della madre.

Un vibrante racconto che la stessa autrice accosta, per analogie di contenuto e di impalcatura narrativa, al Notturno op. 48 n. 1 di Fryderyk Chopin.

Classe 1960, Francesca Sivori è una musicista: ha studiato pianoforte; per molti anni, si è dedicata all’organizzazione e alla direzione artistica di eventi legati alla musica classica, a Genova e a Milano. Oggi lavora per l’orchestra AllegroModerato di Milano: è pianista conduttore nei laboratori di musica da camera e ha fondato un’orchestra AM in Madagascar, a Diego Suarez.

Il libro è stato presentato:

–       a Genova, nel 2019, da Fabio Caccia presso Passeggiata libro Caffè di piazza Sarzana;

–       a Milano, nel 2019, da Angelo Foletto al MaMu di via Soave (evento inserito nel programma di BookCity);

–       a Milano, nel 2020, da Ariel Pensa al Lapsus Libreria Caffè di via Meda.