Home Spettacolo Spettacolo Genova

In arrivo FuoriFormato 2022

0
CONDIVIDI
In arrivo FuoriFormato 2022
In arrivo FuoriFormato 2022

In arrivo FuoriFormato 2022, il Festival internazionale di danza contemporanea e videodanza. Dal 28 giugno al 1° luglio a Genova.

In arrivo FuoriFormato 2022, settima edizione

Genova Villa Durazzo Bombrini – Teatro Akropolis

FuoriFormato 2022 – Festival internazionale di Danza Contemporanea e videodanza completa l’offerta della città di Genova per la Danza integrandola con la creatività contemporanea e offrendo a cittadini e turisti diverse proposte di alto livello culturale (oltre alla possibilità per giovani artisti di poter presentare i propri lavori).

Giunto alla settima edizione FuoriFormato presenta al pubblico una selezione di 9 performance dal vivo, divise in tre serate (dal 28 al 30 giugno), tutte a Villa Durazzo Bombrini a Genova Cornigliano, una serata dedicata esclusivamente alla videodanza (1 luglio), con la proiezione, al Teatro Akropolis, degli 8 film finalisti della sezione internazionale Stories We Dance, preceduta (alla ore 18,30) dai 6 progetti della sezione nazionale Laboratorio Italia. La programmazione si amplierà grazie ad una sezione speciale EXTRA che prevede Giardino Zed, 3 proiezioni fuori concorso in collaborazione con CORPI (Torino), Cro.me. – Cronaca e memoria dello spettacolo (Milano) e Zed Festival (Bologna), un’azione di Pro|D|es Danza – Promozione Digitale Danza estesa; e un focus sul Migration Dance Film Project delle artiste canadesi Marlene Millar e Sandy Silva, rispettivamente regista e coreografa di dance film premiati in tutto il mondo, che verranno riproposti anche al festival. Armonia, fascino, ribellione, mistero sono alcuni degli argomenti trattati dalle compagnie nelle serate di FuoriFormato, l’atteso appuntamento curato da Teatro Akropolis, Rete Danza Contempoligure e Augenblick, e organizzato dal Comune di Genova, con la sponsorizzazione di Iren e Coop Liguria, in collaborazione con Società per Cornigliano.

 

Gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito con prenotazione consigliata.

La rassegna FuoriFormato, dichiarano gli organizzatori, rappresenta un’occasione per avvicinare le persone ai nuovi linguaggi artistici contemporanei e a rinnovare il costante impegno nell’ambito culturale della città.

Un programma di alto profilo esclusivamente dedicato alla danza contemporanea, che grazie alle sinergie messe in atto dall’amministrazione con alcune realtà locali, porta in scena a Genova nuovi linguaggi artistici.

Sono oltre 200 le candidature pervenute per partecipare alla VII edizione di FuoriFormato, il Festival internazionale di danza contemporanea e videodanza che si terrà dal 28 giugno al 1 luglio 2022 a Villa Durazzo Bombrini e da cui sono state selezionate, da una giuria di esperti, 26 proposte provenienti da tutto il mondo e suddivise nelle diverse sezioni:

9 per la danza live, 8 per la video danza sezione internazionale, e 6 per la videodanza sezione  nazionale, avviata con successo dalla scorsa edizione.

A cui vanno aggiunti alcuni eventi speciali, di rilevanza nazionale come Migration Dance Film Project, Proiezioni e incontri pubblico con la regista Marlene Millar e la coreografa Sandy Silva due artiste canadesi che condivideranno con il pubblico la loro ricerca sul tema del viaggio e della migrazione.

Sei opere che mettono in dialogo canto, ritmo, movimento con il paesaggio.

Il 30 giugno le due artiste canadesi terranno un workshop gratuito di danza percussiva.(body percussion)

La sezione dedicata ai workshop si articolerà in due momenti: il 30 giugno sarà presentato l’esito del workshop, concluso a maggio scorso, Searching for…, curato da Marco Longo e Alessandra Elettra Badoino (Augenblick), Claudia D’Occhio e Olivia Giovannini (RETE Danzacontempoligure), un laboratorio per la realizzazione di un film collettivo incentrato sulla relazione tra corpo e sguardo mentre il  laboratorio, Regioni Poetiche, condotto da Nicoletta Bernardini e Cristina Morelli coinvolgerà i ragazzi dell’Istituto Gobetti nelle tre giornate in un percorso di conoscenza e approfondimento della scena contemporanea. Il laboratorio terminerà il 30 giugno con la presentazione di un’azione performativa corale, uno storyboard dell’esperienza vissuta.

In scena, nella cornice del parco di Villa Bombrini dal 28 al 30 giugno, le 9 compagnie selezionate provenienti da tutta Europa (Genova, Madrid, Siena, Firenze, Cagliari, Bruxelles e Roma) offriranno un interessante spaccato sulle diverse declinazioni della danza contemporanea internazionale, attraversando diversi stili: dalla street dance alla performance installativa.

Mentre il 1 Luglio, giornata conclusiva della rassegna, sarà interamente dedicato ai cortometraggi finalisti di Stories We Dance, la sezione di videodanza internazionale, curata dall’Associazione culturale Augenblick, con opere, provenienti da tutto il mondo (Germania, Svizzera, Repubblica Ceca, Grecia, Portogallo, Giappone e Spagna) che, utilizzando la forma breve, raccolgono la sfida del contemporaneo per riflettere sulla relazione tra corpo in movimento e sguardo in ricerca, ora in forma narrativa, ora in chiave sperimentale, senza rinunciare a una precisa riflessione sul medium audiovisivo, e che saranno proiettati al rinnovato teatro Akropolis.

I film finalisti saranno presentati alla Giuria di Stories We Dance – International video dance, che quest’anno è formata da: Leonardo Strano, Davide Palella e Daria Mascotto.

Sempre nella stessa giornata presentati i film finalisti della selezione nazionale, Stories We Dance – Laboratorio Italia.

Alla fine della manifestazione le giurie assegneranno il premio ai due migliori film della sezione internazionale e nazionale, oltre a riconoscimenti e menzioni speciali.

Programma FuoriFormato 2022 28 giugno – 1 luglio

MARTEDÌ 28 GIUGNO 2022  – VILLA DURAZZO BOMBRINI

Ore 20.00 Corte
Emanuele Rosa & Maria Focaraccio – all you need is (23’) Genova, PRIMA NAZIONALE

Concept e coreografia: Emanuele Rosa e Maria Focaraccio

Performance: Emanuele Rosa, Maria Focaraccio, Armando Rossi

Musica: John Surman, David Gold & Gordon Rees

Costumi: Emanuele Rosa e Maria Focaraccio

Co-prodotto da C&C Company e S’ALA, supportato da KOMM TANZ/PASSO NORD e da Start and Go progetto del comune di Genova

Partendo da figure tradizionali di alcuni balli di coppia, all you need is esplora e mettein discussione la logica delle opposizioni binarie che dominano il nostro sistema di pensiero, la nostra cultura e la nostra società attraverso l’intromissione di un terzo elemento “nella relazione”.

Ore 21.00 Sala Solimena
EXTRA: Migration Dance Film Project (30’)

Proiezione fuori concorso dei film Lay Me Low (2015), The Storm (2016), Navigation (2020). Alla presenza di Marlene Millar, regista, e Sandy Silva, coreografa.

Ore21.45 Giardino
No bautizados – Lo invisible (23’) Madrid – PRIMA NAZIONALE

Coreografia e performance: Rolando Salamé e Katia Humenyuk

Música / Music: Heilung, Waterveins (Steve Peters y StevesRoden), Un veneno (C Tangana)

Lo invisible è una danza della coscienza e dell’inconscio, del visibile e dell’invisibile, di tutte le forze che ci allontanano dai nostri sogni e ci sottomettono. Una danza che riscopre il contatto con la parte indomita della natura, rivelandone il volto nascosto.

Ore 22.15 Corte
Silvia Giordano | La Cap -Refreshed oranges into the ocean (30’) – Siena

Coreografa e autrice: Silvia Giordano

Danzatrici: Cristina Roggerini, Matilde Cortivo, Emesey Nagy

Light design: Elisabetta Campanelli

Sound design: Giorgos Gargalas

Produzione La Cap e Compagnia degli Istanti, cop. Ass. Culturale Rosa Shocking

Tre giovani donne creano una narrazione metaforica e intima della loro condizione presente e delle loro proiezioni verso il futuro nel delicato passaggio all’età adulta.

In un intimo viaggio al femminile tra alte e basse maree, la ricerca ne riflette gli imprevisti, la sfera dell’intuizione e la pratica etnogragrafica introspettiva.

Le immagini evocate dai corpi ci trasportano in un altrove: è lì che assurdità e poesia si intersecano, le domande galleggiano e i sottotesti (ci) riflettono.

MERCOLEDÌ 29 GIUGNO 2022  – VILLA DURAZZO BOMBRINI

Ore 20.00 Corte
YoY Performing Arts – Fiori assenti_I studio (20’) Firenze – PRIMA NAZIONALE

ispirato a Fiori assenti di A.Morandi

di e con: Emma Zani e Roberto Doveri

Musiche: Timoteo Carbone

Elemento scenico: Albano Morandi

Luci: Michele Arrabito

Produzione YoY, Giardino Chiuso

Collaborazione Meccaniche della meraviglia, Sostegno PARC/Fondazione Fabbrica Europa, Stazione Utopia, Contributo MiC

Fiori assenti è ispirato all’omonimo ciclo di opere di Albano Morandi.

La performance, in relazione con la “flora fossile” che emerge come un negativo dallo sfondo dei dipinti, si sviluppa attraverso l’indagine di forme rielaborate in un coontinuum coreografico in cui il tema dell’assenza è l’elemento che ricorre.

I corpi diventano forme scultoree in una contro-danza che, nell’ottica del contrasto, si snoda tra piccoli dettagli, gesti armoniosi nello spazio e momenti ritmici dissonanti.

Ore 21.00Giardino
ASMED – Balletto di Sardegna -Four/Virtus – Cagliari (16’) – PRIMA REGIONALE

Coreografia e danza: Matteo Marchesi

Coordinamento Artistico: Guido Tuveri
Musica originale: Marco Caredda, Davide Collu

Costumi: Stefania Dessì
Disegno Luci: Stefano De Litala

Come identifichiamo una virtù nel mondo che viviamo? Cosa significa essere virtuosi? Partendo dalle allegorie delle quattro virtù cardinali e dalle iconografie dell’uomo virtuoso (dai manifesti anni ’40 ai manichini di De Chirico) Virtus diventa un gioco per destrutturare

Giustizia, Prudenza, Fortezza e Temperanza attraverso un corpo che cerca di mostrarsi virtuoso, di essere all’altezza di grandi aspettative, di essere un individuo vincente.

Ore 21.45  Giardino
Kinesis Contemporary Dance Company,Fa’atama (20’) Firenze – PRIMA REGIONALE

Concept e coreografia: Angelo Egarese

Danzatrici: Anna Pesetti, Francesca Piergiacomo

Prodotto da Kinesis CDC, MIC Ministero della Cultura Italiana, Regione Toscana, Fondazione CR di Firenze, Florence Dance Festival e supportato da Teatro Affratellamento, D.A.C. e Florence Dance Center.

Fa’atama è un termine samoano per persone nate donna che si identificano come uomo.

La coreografia si ispira al libro Matalasi di J. Bennett-Tuionetoa, attivista per i diritti umani, un racconto sulla vita di un fa’atama, ambientata il giorno del suo matrimonio come donna, accettato per non recare danno alla famiglia. Una storia basata sul conformismo, su un individuo costretto ascegliere tra identità e sopravvivenza.

Ore 22.15 Sala Solimena
EXTRA: Migration Dance Film Project (30’)

Proiezione fuori concorso dei film Pilgrimage (2017), Move (2017), Traverse (2018).

Alla presenza di Marlene Millar, regista, e Sandy Silva, coreografa.

GIOVEDÌ 30 GIUGNO 2022 – VILLA DURAZZO BOMBRINI

Ore 20.00 Corte
Esito del laboratorio Regioni poetiche degli studenti del PCTO dell’Istituto Coreutico  P. Gobetti di Genova a cura  di Nicoletta Bernardini e Cristina Morelli

Ore 20.30  Corte
Dame de Pic / Cie Karine Ponties/ Ares D’Angelo e Martina Martínez Barjacoba -Subito (20’) Bruxelles – PRIMA NAZIONALE

Coreografa: Karine Ponties

Performers: Ares D’Angelo & Martina Martínez Barjacoba

Drammaturgia e illuminazione: Guillaume Toussaint Fromentin

Costumi: Gaëlle Marras

Prodotto da Cie Dame De Pic / Karine Ponties, Les Brigittines – Playhouse for Movement

In origine, un semplice lavoro di condivisione e ricerca artistica tra la coreografa Karine Ponties e i performer Ares D’Angelo e Martina Martínez Barjacoba. Ispirata da “L’infra-ordinaire” di Georges Perec, Karine Ponties ha deciso di andare oltre l’ordinario e di dare un senso alla moltitudine di eventi che non sappiamo più guardare o vivere, quei momenti discreti che percepiamo come “insignificanti” e che tuttavia hanno valore.

Ore 21.30 Giardino
Dehors/Audela – Mentre tutti intorno fanno rumore (20’) Roma –PRIMA NAZIONALE

Concept: Salvatore Insana, Elisa Turco Liveri

Coreografia: Elisa Turco Liveri

con Alice Ruggero, Andrea Sassoli, Cecilia Ventriglia

Partitura visiva e sonora: Salvatore Insana

Coproduzione Dracma, Florian Metateatro, G.e-Motion con il sostegno di Mediterrean Dance Center Zagreb, Fienile Fluò

La performance indaga la relazione tra il corpo e lo spazio/paesaggio che lo circonda, luogo di una relazione sottile come la distanza tra la pelle e l’abito, dove la distinzione tra interno ed esterno si dissolve a favore di uno spazio condivisibile e comunitario.

Ore 22.00 Corte
di Rocco/Rosati – Entanglement_Studio 2 (20’) Siena – PRIMA REGIONALE

Creazione e interpretazione: Lorenzo di Rocco e Jennifer Lavinia Rosati

Musiche: Zack Hemsey

Produzione: Giardino Chiuso/Orizzonti Verticali, Fondazione, Fabbrica Europa/PARC Performing Arts Research Centre, con il contributo di DI MiC, Regione Toscana

La performance nasce dall’indagine di quel fenomeno della meccanica quantistica, l’entanglement, già definito da Einstein come un’azione a distanza in cui due microparticelle, se poste nello stesso stato quantico, risultano connesse anche dopo essere state divise.

Da qui si sviluppa una riflessione che proietta l’entanglement sulle relazioni che si instaurano tra gli esseri umani, capaci di influenzare lo status emotivo gli uni degli altri, dando vita a un legame impercettibile ma indissolubile.

Ore 22.30 Sala Solimena
Searching for…

Proiezione del dance film collettivo esito del laboratorio di screendance.

VENERDÌ 1 LUGLIO 2022  – TEATRO AKROPOLIS

GiuriaLaboratorio Italia e International Video Dance:

Leonardo Strano, critico cinematografico, Davide Palella, filmmaker e Daria Mascotto, danzatrice e antropologa.

Ore 18.00  STORIES WE DANCE – Laboratorio Italia (60’)

Fresh Oranges into the ocean – Silvia Giordano e Nuanda Sheridan

Piazza Marina 51 – Zoé Bernabéu e Lorenzo Covello

Sei ancora tu – Chiara Caterina

Pronto sabré si su nombre es violencia – Elisa Baccolo

ἀνδρεία [andreia]- Paola Bianchi e Gianluca Camporesi

Attalea – Giovanna Pesce Dalla Francesca

a seguire

EXTRA: GIARDINO ZED – LA DANZA IN 1 MINUTO (30’)

Proiezione fuori concorso dei film:

Ben, Teresa Giulia Sala, Ilaria Vergani Bassi, Mattia Parisotto, Gabriel Beddoes (Italia)

Ontkoppeling, Danielle Huyghe e Nathalie Vermeiren (Paesi Bassi)

Martiality, Not Fighting, Marianne M. Kim & Cheng-Chieh Yu (Cina)

Ore 21.30 STORIES WE DANCE – International competition (80’)

Visione dei film finalisti e premiazione.

Blue – Ann Oren, (Germania)

Chute – Nora Longatti, (Svizzera)

Fibonacci – Tomáš Hubáček, (Repubblica Ceca)

Danzamatta – Vanja Victor Kabir Tognola, (Svizzera)

ÉTUDE – Chrysanthi Badeka e Christina Sotiropoulou, (Grecia) [anteprima mondiale]

Há uma profeta nas Olaias, tenham cuidado! – Lucas Camargo de Barros, (Portogallo/Brasile)

THREE – Naoto IINA, (Giappone) [anteprima mondiale]

Tradere- Laia Santanach e Ignasi Castañé, Spagna

GIOVEDÌ 30 GIUGNO 2022 – TEATRO AKROPOLIS

Ore 16.00 – 19.00 /19.30

BODY MUSIC PROCESSION WORKSHOP

Body Music Procession Workshop è il laboratorio di danza percussiva, condotto dalle artiste canadesi Marlene Millar e Sandy Silva, rivolto a una comunità multigenerazionale e multiculturale di danzatori, musicisti, performer e amatori, e dedicato all’indagine sensoriale del corpo e della percussione vocale. Un viaggio condiviso che connette voce, ritmo e movimento generando nuove narrazioni, personali e collettive.

La partecipazione al workshop è gratuita con iscrizione obbligatoria.

Per prenotare:

compilare il form sul sito: www.fuoriformatofestival.it

contattare la biglietteria al numero: 329 1639577 (chiamate&Whatsapp) dalle 10,00 alle 18,00

Per informazioni: 

Comune di Genova Direzione Attività e Marketing Culturale – culturamatitone@comune.genova.it

Teatro Akropolis – Tel. 329.1639577

fuoriformatofestival@gmail.com

https://www.fuoriformatofestival.itwww.genovacreativa.it