Home Cronaca Cronaca Genova

Il 60° Salone Nautico chiude con la presenza di oltre 71 mila visitatori

0
CONDIVIDI
La conferenza di chiusura del Salone Nautico 2020

Tempo di bilancio per il 60° Salone Nautico di Genova. Sono gli stessi organizzatori a raccontare la sfida vinta.

Al momento della conferenza di chiusura, alle 13, i visitatori erano a quota 71.168 con gli espositori contenti del risultato dal punto di vista economico.

Il Direttore Generale di Ucina Confindustria Nautica Marina Stella ha esordito: “E’ stato il Salone dell’orgoglio, del coraggio, del sapere fare. Per noi il Salone è positivo, vista la situazione: dal punto di vista economico il miglior Salone degli ultimi 10 anni.”

“Il Salone – spiega Marina Stella – è stato anche un successo dal punto di vista associativo: il 3 ottobre abbiamo festeggiato l’ingresso di nuovi 100 soci.

Poi, proprio grazie al Salone Nautico, secondo gli operatori, il 2021 sarà un anno di rafforzamento per quanto riguarda i nuovi ordini.”

“Il Salone – precisa il Direttore Generale – è stato reso possibile grazie all’aiuto delle Istituzioni.

Per primo l’ ICE, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, poi la Regione, il Comune e la Camera di Commercio. Infine un grande ringraziamento alle forze dell’ordine che ci hanno aiutato ad attuare i protocolli adottati dal Salone”.

La parola è poi passata al direttore commerciale Alessandro Campagna che ha confermato le parole del direttore generale Stella: “Siamo partiti con l’idea di un Salone sicuro e così è stato. Abbiamo un po’ perso la parte di colore del salone, alcuni visitatori, ma le aziende 824 presenti al Salone, hanno raggiunto il loro target: le aziende stanno vendendo ed è quello che conta.”

Il presidente della Camera di Commercio Luigi Attanasio: “Un successo. Ci auguriamo tutti che le prossime edizioni abbiano più spazio. Noi genovesi abbiamo perseguito nella nostra decisione di aprire e l’abbiamo fatto.”

A fare il Salone Nautico, dice il sindaco Marco Bucci: “C’è voluto coraggio e ce l’abbiamo fatta. Ci siamo rimboccati le maniche e ce l’abbiamo fatta. Grazie a Confindustria Nautica e alle altre Istituzioni.

Andremo avanti ampliando la darsena. Vogliamo diventare il Salone Nautico del Mediterraneo. La nautica mondiale è qui a Genova, invitiamo Montecarlo e Cannes a fare il salone qui a Genova.”

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti: “Il Salone ha dimostrato la resilienza, la capacità di adattarsi alle situazioni. Mentre chiudevano gli altri saloni, noi abbiamo aperto, ci abbiamo creduto. Senza farsi annichilire dalla paura. Politica, pubblica amministrazione si sono rimboccare le maniche.

Dal prossimo anno dobbiamo ambire ancora di più come ha detto il sindaco Bucci. Questo nuovo patto sociale è vincente. È stato un grande sforzo collettivo che ha dimostrato cosa siamo riusciti a fare.”

A chiudere l’incontro il presidente di Ucina Confindustria Nautica Saverio Cecchi, contento ma con una vena di rabbia nei confronti del Governo: “Ringrazio gli espositori soci e i 71000 ultras della nautica che sono venuti a trovarci.

Abbiamo programmato 10 anni di Nautico. Abbiamo tutta una serie di progetti per far diventare il Salone Nautico di Genova il più bello d’Europa. Ci sono sono diverse cose da fare come l’aeroporto che deve essere potenziato con dei voli internazionali.

Purtroppo, questa mattina, ho avuto una brutta notizia da Roma, dal Governo: sono stati cancellati 5 emendamenti.

Il mio e tutto il nostro sconcerto è assoluto e vedere che la contrapposizione politica prevale sulla ragione, ha dell’assurdo.” L.B.