Home Cultura Cultura Genova

Genova, si é chiuso ieri il Mercatino di San Nicola

0
CONDIVIDI
Genova, si é chiuso ieri il Mercatino di San Nicola
Genova, si é chiuso ieri il Mercatino di San Nicola, nuovo successo di pubblico e di raccolta fondi per l’edizione 2021 dell'evento

Genova, si é chiuso ieri il Mercatino di San Nicola, nuovo successo di pubblico e di raccolta fondi per l’edizione 2021 dell’evento

Genova, si é chiuso ieri il Mercatino di San Nicola, le difficoltà della crisi economica causata dalla pandemia non hanno raffreddato i cuori delle migliaia di genovese che hanno fatto visita agli stand e ai banchetti del Mercatino benefico.
Raccolti infatti 20mila euro per l’ospedale pediatrico Giannina Gaslini grazie allo stand/cucina della Band degli Orsi a cui si aggiungono 7mila euro per l’ospitalità ai genitori che accompagnano i bambini con problemi oncologici (progetto ABEO) e 3mila euro per donare una Borsa Lavoro ad
una donna vittima di violenza (progetto del Centro per non subire violenza).

Oltre 120 associazioni si sono avvicendate negli stand del Mercatino di San Nicola, edizione 2021, per presentare le loro attività, cercare nuovi volontari e vendere prodotti e creazioni per raccogliere i fondi necessari alle attività associative. Una straordinaria occasione che i Volontari del Mercatino di San Nicola hanno offerto anche quest’anno dopo la pausa dello scorso anno, causata dall’emergenza covid. Dal 1986, anno di battesimo di questo mercatino natalizio, sono stati devoluti aiuti per circa settecentomila euro.

Come tradizione l’intero ricavato dell’evento servirà realizzare importanti progetti benefici scelti tra i tanti che ogni anno vengono proposti all’Associazione dei Volontari del Mercatino di San Nicola. Quest’anno sono stati scelti: ABEO – Associazione Bambini Emopatico e Oncologico e Centro per non subire Violenza.

Grazie alla Lotteria Benefica del Mercatino di San Nicola vinte le maglie donate dalla Sampdoria, dal Genoa, dall’Entella e dallo Spezia Calcio «Il mercatino di san Nicola è felicissimo – dichiara Marta Cereseto, presidente dell’Associazione dei Volontari del Mercatino di San Nicola – Siamo riusciti a farlo post pandemia, grazie al Comune di Genova e all’ Assessorato al Commercio; grazie alle 120 associazioni che sono venute a trovarci.

Non pensavamo potesse andare così bene e ringraziamo la cittadinanza per aver partecipato e aver scelto, ancora una volta, il mercatino, la macchina della solidarietà genovese».

«Voglio esprimere un ringraziamento corale agli organizzatori, a tutte le associazioni, ai volontari, agli artigiani, ai produttori che a vario titolo hanno lavorato e collaborato affinché, insieme agli Uffici della Civica Amministrazione, sia stato possibile realizzare l’edizione 2021, appena trascorsa, del Mercatino di San Nicola in Piazza Piccapietra – dichiara Paola Bordilli, Assessore al Commercio del Comune di Genova – Sono contenta che dopo la sosta forzata del 2020 causata dalla pandemia, il Mercatino, giunto alla sua 32esima edizione, sia potuto tornare nella nostra Città. E ciò ha reso questa edizione veramente significativa e speciale.
Ho imparato in questi anni ad apprezzare moltissimo la passione e creatività degli organizzatori che fanno sì che l’evento riesca sempre a rinnovarsi e a stupirci.

Il Mercatino di San Nicola è di certo uno degli appuntamenti natalizi più attesi dai genovesi, con i suoi stand, eventi, incontri, laboratori per bambini e sagre gastronomiche, prodotti liguri, ricette dal mondo ma soprattutto con il suo modo pacato ma deciso e determinato nel continuare, anche divertendosi, ad “aiutare chi aiuta”.

Coniugare la tradizione natalizia con la solidarietà e la coesione: ciò si realizza grazie al grande impegno delle molte Associazioni che animano questo angolo del centro cittadino per la realizzazione di progetti e supporto per chi soffre o di chi ha bisogno di sostegno. Di questo sono grata a tutti, non solo come Assessore ma come cittadina genovese».

«Il mercatino di San Nicola si conferma come appuntamento amato dai genovesi per vivere con gioia l’attesa del Natale. Tradizione e solidarietà che anche quest’anno hanno dato la possibilità a tanti di trovare il pensiero giusto per augurare buone feste.

Arrivederci al prossimo anno». Ha dichiarato Andrea Carratù, presidente del Municipio I Centro Est