Home Economia Economia Genova

Exploit del progetto Over 60, Berrino: 177 disoccupati hanno trovato un lavoro

0
CONDIVIDI
Assessore regionale al Lavoro Gianni Berrino (FdI)

Nelle sedi dei Comuni di Serra Riccò, Sant’Olcese e Campomorone venerdì scorso si è svolta la prima delle quattro giornate di incontri nelle quattro province liguri dell’assessore regionale al Lavoro Gianni Berrino con alcuni dei comuni aderenti al progetto Over 60.

Attualmente, il piano Over 60 riguarda 177 persone che lavorano per 15 giorni al mese (almeno un anno) con un compenso di 750 euro.

Sono stati finanziati 81 progetti, ripartiti tra tutte e quattro le province, per un finanziamento totale di 1.711.800 euro.

Nel dettaglio, 24 progetti sono stati avviati nell’area metropolitana di Genova, 28 in provincia di Imperia, 20 in provincia di Savona, 9 nella provincia della Spezia.

Il progetto Over 60, nato nel 2017 come linea particolare del piano Over 40, è rivolto ai disoccupati oltre i 60 anni di età che non percepiscono alcun ammortizzatore sociale. Sono lavoratori che possono vantare spesso esperienze e competenze spendibili, ma nella situazione attuale del mercato del lavoro hanno grandi difficoltà a trovare un nuovo impiego.

“Lo scopo degli incontri – ha spiegato l’assessore Gianni Berrino – è una verifica a campione del grado di soddisfazione degli amministratori e soprattutto dei lavoratori coinvolti. In Val Polcevera abbiamo ricevuto valutazioni molto positive delle esperienze avviate, che speriamo di poter rifinanziare per i prossimi anni.

Per i piccoli Comuni è una vera risorsa la collaborazione di persone che, per quanto non più giovani, hanno competenze da offrire alla loro comunità e motivazioni che non è scontato trovare sempre; per i lavoratori è una occasione preziosa per rimettersi in gioco e avvicinarsi attivamente alla pensione.

Lo stanziamento iniziale era di 564.000 euro – spiega Berrino – per comuni, consorzi ed enti parco che avessero fatto richiesta di apertura di un cantiere scuola lavoro over 60.

La risposta ci ha sorpresi: ci siamo ritrovati sommersi di richieste per un valore di 1.700.000 euro di coperture necessarie. Un grido di aiuto da parte dei disoccupati delle fasce più deboli, una richiesta che non potevamo non ascoltare. Con tutta la fatica immaginabile per trovare spazio nel bilancio regionale, siamo riusciti a ottenere un ulteriore stanziamento che ci ha permesso di finanziare tutti i progetti ritenuti ammissibili”.