Home Politica Politica Italia

Duro attacco, bufera su élite Famiglia Cristiana. Senarega: Salvini uomo umile e semplice

0
CONDIVIDI
La replica di Salvini su Twitter al duro attacco di Famiglia Cristiana e L'Espresso

“Odio e disprezzo. Altro duro attacco a Matteo Salvini. Famiglia Cristiana estremista, brutale e schierato in politica come Il Manifesto e L’Espresso? La contraddizione sta non solo nella mancanza di equilibrio e nella perdita della tradizionale connotazione cattolica, ma anche la circostanza che molti lettori, tra cui donne e uomini di Chiesa, non la pensano affatto come l’élite del settimanale perché ritenendo che Matteo Salvini sia una persona di buonsenso e comunque non possa senz’altro essere paragonato a ‘satana’ lo hanno votato e lo sostengono”.

Lo ha dichiarato oggi il capogruppo regionale della Lega, Franco Senarega, in merito alla discutibile immagine di copertina pubblicata da Famiglia Cristiana contro il ministro dell’Interno che, peraltro, ha ricevuto numerosi attestati di solidarietà.

“D’altronde – ha aggiunto Senarega – frequentandolo personalmente e in amicizia, posso garantire che Matteo Salvini non ha cambiato per nulla le sue idee, espresse da sempre con grande onestà intellettuale e chiarezza, né il suo modo di essere uomo umile e semplice come tanti.

L’élite di Famiglia Cristiana ha quindi dimostrato di avere smarrito il contatto con la realtà e i cittadini che ogni giorno sono costretti a fare i conti con i risultati di immigrazione incontrollata, buonismo e illegalità diffusa destabilizzanti per il Paese.

E’ doveroso accogliere i più deboli come bambini e donne in stato di gravidanza, famiglie e persone che fuggono dalla guerra, ma tutta l’Africa in Italia non ci sta e la misura è colma.

Pertanto, è giusto agire con buonsenso per evitare altri morti, far rispettare la legalità, chiudere i nostri porti e bloccare la rotta del Mediterraneo Centrale: in pratica l’unica preferita e di gran lunga utilizzata da scafisti e trafficanti di esseri umani rispetto a quelle orientale verso la Grecia e occidentale verso la Spagna”.